Tutto pronto per l’apertura del Mercato Centrale a Milano che aprirà in stazione: l’inaugurazione è prevista per il 2 settembre 2021.

Il 2 settembre apre a Milano il Mercato Centrale. Tutto pronto per l’inaugurazione di questo spazio ubicato in Piazza IV Novembre. In totale, sul posto saranno aperte 30 botteghe artigiane selezionate direttamente da Umberto Montano, fondatore e presidente dell’azienda, il quale si occupa anche di altri negozi situati, rispettivamente a San Lorenzo, a Firenze e a Roma nella Stazione Termini. Per realizzare il progetto, sono stati investiti 18 milioni di euro.

Colazione salata al bar
Colazione salata al bar

Il Mercato Centrale apre anche a Milano in stazione

Sono stati investiti 18 milioni di euro per la realizzazione di Mercato Centrale nella città di Milano, che prende vita proprio in stazione, come è accaduto per Roma nella Stazione Termini. In questo luogo, le persone potranno mangiare, stare insieme e fare la spesa. Inoltre, l’apertura di questo punto vendita suggella anche la partnership con cosaporto.it, start-up italiana specializzata nella consegna di cibo a domicilio. Gli alimenti, infatti, potranno essere acquistati online e ricevuti direttamente a casa o in ufficio.

Come spiega Umberto Montano, fondatore e presidente dell’azienda, secondo quanto riportato da Panbianco News.com, “Il Mercato a Milano sarà un centro di acquisto del super fresco di qualità con un’attenzione speciale per carne e pesce, ma non solo (pescheria, macelleria, pasticceria, panetteria, un mulino e molto altro), tracciabile e spesso biologico, come il mercatino dove si produrrà la mozzarella fresca con latte proveniente da allevamenti biologici”. E aggiunge: “Inoltre, il mercato è un luogo di incontro e aggregazione grazie alle tante attività culturali e formative, il laboratorio radiofonico curato da Alessio Bertallot, i corsi di cucina e tanti eventi per grandi e piccini”.

L’offerta gastronomica locale e internazionale

La struttura milanese si estenderà per 5 mila metri quadrati e offrirà 1.000 posti a sedere. Non solo: sarà installato anche un laboratorio radiofonico che, sospeso in alto, intratterrà la clientela. Ogni bottega metterà a disposizione dei clienti prodotti di gastronomia locale, regionale e nazionale.

Milano rappresenta per noi un punto di partenza da cui far nascere ulteriori progetti di sviluppo”, ha concluso il presidente e fondatore. Sono in corso alcuni negoziati, rallentati dalla pandemia, ma con ottimi presupposti di realizzazione. Dopo l’apertura di Milano il ragionamento si farà più concreto”, ha spiegato Montano.

Al “mercato” si affiancherà anche una caffetteria, un ristorante e un dehor. Tra i prodotti che si potranno acquistare, possiamo annoverare, pasta, pane, dolci, pesce, ma anche specialità provenienti dall’estero, come la micro-patisserie francese e i ravioli cinesi cotti al vapore di Agie Zhou. Non solo: nel menu saranno disponibili anche l’American Barbecue di Joe Bastianich, il bollito di Giacomo Trapani, il pane di Davide Longoni, ma anche l’enoteca Tannico e la birreria Moretti.

ultimo aggiornamento: 29-08-2021


L’home staging: un nuovo lavoro creativo e di tendenza

Addio al dress code, arrivano nuovi outfit in ufficio dopo la pandemia