Il risotto digitale, lanciato da Giallozafferano, è solo il primo di una lunga serie di piatti che comporranno una collezione.

L’era degli NFT (Non-fungible token) continua la sua scalata con un’innovazione incredibile a tema food. L’arrivo del risotto digitale si deve a Giallozafferano, testata di punta della Mondadori, leader nel panorama culinario. Giallozafferano ha presentato i primi NFT da collezione di tradizionali ricette italiane, firmate da alcuni degli chef più importanti del Paese, alla Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano. Una delle opere è il celebre risotto allo zafferano, tipico milanese, la cui fotografia digitale è stata donata nei giorni scorsi all’Archivio del Duomo.

Le ricette scelte per la collezione Metaverso

L’antichissima ricetta milanese del risotto è solo una delle tantissime opere digitali che compongono la collezione. Per adesso sono 15 quelle certificate e 4 di queste sono quelle presentate all’evento dei giorni scorsi. Oltre al risotto allo zafferano, che porta la firma del pluristellato Alessandro Negrini, c’è il tiramisù tradizione di Frau Knam e la versione speciale di Ernst Knam. Le altre due opere sono la pizza margherita del campione mondiale Davide Civitiello e la pasta alla carbonara di Luciano Monosilio.

Una pentola piena di riso
Risotto

Tra le altre ricette della collezione ci saranno la focaccia genovese di Ezio Rocchi e le orecchiette alle cime di rapa di Fabio Abbatista. Inoltre: la parmigiana di melanzane di Daniele Rossi, l’amatriciana, le lasagne al ragù, la fiorentina, il pesto, gli arancini, il gelato, la pastiera e la polenta.

La finalità sociale

Dietro questa nuova iniziativa c’è anche una finalità sociale che si pone come obiettivo quello di aiutare il prossimo. In particolare per ogni ricetta verranno creati 99 esemplari e 98 di questi si potranno comprare sulla piattaforma Opensea a 99 euro. In questo modo si aiuterà il Banco Alimentare e le sue attività. Inoltre per ogni ricetta verrà messo all’asta un NFT Special Edition, con un prezzo che partirà da 5.000 euro. Per chi concluderà l’affare ci sarà uno showcooking esclusivo negli studios di Giallozafferano con lo chef creatore di quel piatto e una cena privata per 4 persone.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 12-06-2022


Pinar Pinzuti, l’italo-turca premiata dall’Onu nella Giornata mondiale della bici

I supereroi al Santobono di Napoli per regalare un sorriso ai bambini malati