Il percorso e gli orari di partenza e arrivo, la punzonatura, i vip al volante e le auto in gara: ecco la mappa della Mille Miglia 2021.

Dal 16 al 19 giugno va in scena la Mille Miglia 2021, la 39esima edizione della rievocazione storica della corsa automobilistica più affascinante del mondo. Neppure la pandemia riesce a spegnere la fiamma che arde nei cuori dei partecipanti alla gara, che quest’anno presenta una significativa novità rispetto al passato: per la prima volta, il senso di marcia della competizione sarà invertito.

Tutto sulla Mille Miglia 2021

Per la prima volta nella storia, la Mille Miglia rispetta il senso antiorario della corsa originale di velocità. Si parte da Brescia facendo rotta verso la costa Tirrenica per sostare a Viareggio. Il giorno successivo si riparte per Roma, mentre la terza tappa, al via dalla Capitale, risale verso nord per concludersi oltre l’Appennino, a Bologna. La quarta e ultima tappa conduce i corridori al tradizionale arrivo a Brescia.

Il tracciato ha un altro passaggio inedito. Gli equipaggi affronteranno per la prima volta sia il Passo della Cisa, nella prima tappa, che i Passi di Futa e Raticosa nella terza giornata di gara.

Un'auto d'epoca rossa
Un’auto d’epoca pronta per la Mille Miglia 2021

Il percorso, le tappe e gli orari

Le auto in gara partono alle 13:30 come da tradizione dalla rampa di Viale Venezia. La diretta streaming di partenza, arrivo e cerimonia di premiazione sono garantite su Livestream dal Giornale di Brescia.

Ecco il percorso completo di quasi 1.800 chilometri, diviso in quattro tappe e dodici settori.

Tappa 1: mercoledì 16 giugno 2021
– Settore 1 da Brescia (CO 1) a Parma (CO 2)
– Settore 2 da Parma (CO 2) a Viareggio (CO 3)

Tappa 2: giovedì 17 giugno
– Settore 3 da Viareggio (CO 4) a Bibbona (CO 5)
– Settore 4 da Bibbona (CO 5) a Castiglione della Pescaia (CO 6)
– Settore 5 da Castiglione della Pescaia (CO 6) a Viterbo (CO 7)
– Settore 6 da Viterbo (CO 7) a Roma (CO 8)

Tappa 3: venerdì 18 giugno
– Settore 7 da Roma (CO 9) a Orvieto (CO 10)
– Settore 8 da Orvieto (CO 10) ad Arezzo (CO 11)
– Settore 9 da Arezzo (CO 11) a Prato (CO 12)
– Settore 10 da Prato (CO 12) a Bologna (CO 13)

Tappa 4: sabato 19 giugno
– Settore 11 da Bologna (CO 14) a Verona (CO 15)
– Settore 12 da Verona (CO 15) a Brescia (CO 16)

Il claim dell’edizione 2021 è “Crossing the Future”. Secondo gli organizzatori “simboleggia la doppia anima del brand”, che unisce “la tradizione e il futuro dell’automobile affiancando alle auto d’epoca le vetture elettriche della 1000 Miglia Green e le moderne Supercar e Hypercar della 1000 Miglia Experience”.

La punzonatura, i vip e le auto in gara

Durante l‘antico rito della punzonatura si valuta l’originalità delle macchine: una commissione di esperti fa una verifica tecnica al motore e una sportiva ai documenti dell’equipaggio. Nei paddock della Mille Miglia alle vetture in competizione vengono poi applicati i numeri e i sigilli.

Il parterre di partecipanti è straordinario. Il marchio più rappresentato è Alfa Romeo con 50 auto. A seguire ci sono Fiat con 40 vetture e Lancia con 31: in totale Stellantis ne porta 121. L’Italia ha il maggior numero di piloti, ben 292, mentre ne arrivano 146 dai Paesi Bassi e 80 dalla Germania.

Ci sono tantissime auto ibride ed altrettante elettriche: tra queste spiccano la Mercedes EQA, la Jaguar I-Pace, la Porsche Taycan e l’Hyper Suv Vision 2030 disegnato da Fabrizio Giugiaro.

Il vero gioiello della Mille Miglia 2021 è però l’Alfa Romeo 6C 1500 Super Sport del 1928 con motore 6 cilindri da 76 cavalli e carrozzeria degli stabilimenti Farina. L’Alfa porta il numero 1000 ed è guidata dal designer di Stellantis Roberto Giolito con la conduttrice Camila Raznovich. In pista c’è anche John Elkann: il nipote di Gianni Agnelli e presidente di Stellantis, Ferrari e Gedi gareggia con la moglie Lavinia Borromeo al volante di una Alfa Romeo 1900 C Super Sprint del 1956 con il numero 300.

Se la pilota statunitense Sylvia Oberti porta da sola una Fiat Siata numero 175 per raccogliere fondi in favore dell’ospedale pediatrico di Brescia, la Pink Car del progetto Mille Miglia Charity ha addirittura sei guidatrici. L’obiettivo è promuovere il lavoro del Women’s Cancer Centre. Alla guida si alternano Caterina Balivo, Alessandra Mastronardi, Cristina Parodi, Francesca Piccinini, Melissa Satta e la dottoressa Viviana Galimberti, direttrice della divisione di Senologia dell’Istituto europeo di Oncologia.

L’elenco completo delle auto ammesse è stato redatto dalla Commissione esaminatrice che fa capo a 1000 Miglia Srl ed è stato pubblicato sul sito della manifestazione, dove è consultabile integralmente.


Le 5 più belle spiagge di sabbia rosa al mondo: incantevoli e suggestive

Lingue più studiate al mondo, al quarto posto c’è l’italiano