I 21 nuovi emoji, annunciati da Unicode, saranno disponibili per gli utenti a partire dal 2023. Ecco quali sono.

Medusa, Khanda (simbolo del Sikhismo), icona della connessione wireless e il cuore rosa: queste alcune dei nuovi simboli che saranno lanciati per il prossimo anno. Quest’ultimo è uno degli simboli più richiesti dagli utenti, che saranno disponibili a partire dal 2023.

Emoji 2023: tutte le novità in arrivo

Un nuovo gruppo di simboli per la chat è in arrivo per il 2023. In totale, sono 21 quelle attualmente al vaglio di Unicode, che si occupa dell’approvazione dei nuovi simboli pittografici, che saranno richiesti compilando uno specifico modulo, che dovrà pervenire entro il 31 luglio 2022. Nonostante ci siano dei ritardi nel processo, Unicode ha dato qualche anticipazione sui nuovi simboli che sono stati concepiti.

Comunicare con gli emoji
Comunicare con gli emoji

Ci saranno la medusa, il Khanda (simbolo del Sikhismo), l’icona della connessione wireless e un cuore rosa. Quest’ultimo è uno degli emoji più richiesti dagli utenti, soprattutto su Twitter. “Se mai avremo la semplice Pink Heart Emoji, non smetterò mai di usarla” o “Poiché non esiste una semplice Pink Heart Emoji, onestamente non userei nient’altro se avessimo questa opzione” sono solo alcuni dei tweet che dimostrano quanto sia richiesto questo simbolo.

I cuori già disponibili in lista

Sono già presenti cuori rosa, anche se in versioni più complesse, rispetto ai cuori semplici, che – al momento – disponibili in diverse varianti di colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu, viola, nero, bianco e marrone. Oltre al cuore rosa, con molta probabilità, saranno aggiunti anche quelli nelle varianti di grigio e blu.

C’è, però, una categoria esclusa dalle valutazioni, ovvero le bandiere. “Le bandiere emoji sono sempre state soggette a criteri speciali a causa della loro natura illimitata, uso raro e onere di implementazione“, ha affermato Jennifer Daniel, presidentessa del sottocomitato Unicode.

Affinché un’emoji sia accettata, deve avere molteplici usi ed essere usata frequentemente. Delle centinaia di bandiere emoji disponibili, solo circa 20 vengono utilizzate con una certa costanza. Da qui, la decisione di non considerare nuove proposte al riguardo. “Qualsiasi aggiunta di emoji dovrebbe considerare la frequenza di utilizzo e i compromessi con altre scelte“.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 02-06-2022


Tendenze nel settore delle costruzioni nel 2022

MotoGP: torna l’iniziativa Kiss Mugello per la raccolta dei rifiuti