Il mercato più grande di Città del Messico e del mondo diventerà un grande parco solare, grazie ai migliaia di pannelli solari che saranno installati.

Il progetto ha l’obiettivo di generare più energia pulita nella Central de Abastos di Città del Messico, che occupa un’area di 327 ettari. I funzionari indicano che con questa tecnologia si eviterà l’emissione di 12.000 tonnellate di anidride carbonica.

Messico, 36 mila pannelli solari nel più grande mercato al mondo

Il Central de Abasto di Città del Messico diventerà il più grande parco solare urbano del mondo dopo che saranno installati migliaia di pannelli solari sui suoi tetti. Il progetto coprirà una superficie equivalente a 400 campi da calcio.

I pannelli genereranno più energia di quella consumata dal mercato messicano e quell’eccesso sarà messo a disposizione di altre strutture come la metropolitana della città.

Turista nel mercato messicano
Turista nel mercato messicano

Il progetto solare da 400 milioni di pesos messicani (quasi 20 milioni di euro): un importante investimento che sarà attuato in un posto in cui mezzo milione di persone va a fare la spesa ogni giorno.

Il progetto sarà operativo entro la fine del 2022: saranno installati 36.000 pannelli per una capacità totale di 18 megawatt, secondo Fadlala Akabani, segretario allo sviluppo economico della capitale.

L’importanza dell’energia solare

Il parco solare segna una rara iniziativa ecologica durante il mandato del presidente Andrés Manuel López Obrador, che ha dato priorità alla produzione di combustibili fossili e alla produzione di energia attraverso Pemex e CFE, che è di proprietà statale.

L’energia solare ha rappresentato il 5% della produzione di energia messicana lo scorso anno, secondo i dati del settore.

Le amministrazioni precedenti a quella di López Obrador si impegnavano a raggiungere il 35% di energia pulita entro il 2024, rispetto all’attuale 29%. Gli esperti ritengono che raggiungere tale obiettivo sia quasi impossibile con le tendenze attuali.

Il progetto Central de Abasto è un’eccezione. L’area dove verranno installati i pannelli dispone di 10.000 bancarelle che vendono frutta, verdura e carne. I pannelli genereranno più energia di quella consumata dal mercato e quell’eccesso sarà messo a disposizione di altre strutture come la metropolitana di Città del Messico, ha affermato José Alberto Valdés, un alto funzionario del governo della capitale.

La struttura dovrebbe coprire 2.000 ettari e avere una capacità di generazione annua di 1.000 megawatt, ma non sarà pronta prima del 2028.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 09-10-2022


Bebe Vio riceve il Premio Mecenate dello Sport 2022: “Inclusione, tenacia e coraggio”

La carta d’identità elettronica si arricchisce: arriva la bandiera dell’Unione europea