Buone notizie per l’estate: la qualità delle acque di balneazione nell’Unione Europea resta elevata. Lo riporta l’Agenzia europea dell’ambiente.

Tutti gli indicatori degli specialisti del turismo e dei viaggi lo confermano: quest’anno saranno in tanti a lasciare le proprie abitazioni per andare verso i luoghi di mare più belli e gettonati dell’Europa, che si trovano, principalmente, in Italia, Spagna e Grecia. Al di là della destinazione, è importante sapere che la qualità delle acque di balneazione resta elevata nell’Unione Europea, secondo quanto comunicato dall’AEA.

Acque di balneazione europee: premi di eccellenza per quasi l’85% dei siti

Una cosa è certa: ovunque decidiate di andare quest’estate, finché rimanete nel vecchio continente, potete nuotare in mare senza paura, se siete appassionati di sport acquatici. Lo afferma l’Agenzia Europea dell’Ambiente nella sua valutazione annuale della qualità delle acque di balneazione nei Paesi dell’Unione Europea (Ue), a cui si aggiungono Svizzera e Albania, resa pubblica all’inizio di giugno.

Il dato complessivo parla da sé: nel 2021, l’84,8% degli oltre 21.500 siti ufficialmente elencati nell’UE presentava un’elevata qualità dell’acqua. “Dall’adozione della direttiva sulle acque di balneazione nel 2006, la quota di siti eccellenti ha continuato a crescere , afferma l’agenzia. Inoltre, gli standard minimi di qualità dell’acqua sono soddisfatti nel 95,2% dei siti.

Nessuna sorpresa: la qualità delle acque di balneazione costiere rimane generalmente superiore a quella registrata nei siti interni (lago, stagno, fiume, ecc.). Il rapporto è rispettivamente dell’88% contro il 78,2%.

Austria, Malta, Grecia nelle prime tre posizioni

Il premio per l’eccellenza va all’Austria, Paese che, ricordiamo, non ha accesso al mare, con un punteggio del 97,7% di siti interni di ottima qualità. Questo paese dell’entroterra si posiziona davanti a Malta (96,6%), Grecia (95,8%) e Croazia, il quarto e ultimo stato dell’UE a superare la soglia del 95%, con un punteggio del 95,7%, per l’esattezza. Al 12° e 13° posto ci sono l’Italia (87,9%) e la Spagna (87,4%). Quanto alla Francia, si colloca al 22° posto, con un tasso del 75,7%, al di sotto della media europea. È la Polonia a chiudere la lista,paese in cui solo il 44,5% dei suoi siti di balneazione offre una qualità ottimale.

Mare
Mare

Luoghi con scarsa qualità delle acque: la posizione dell’AEA

Anche se i posti con scarsa qualità delle acque sono in costante calo da un decennio, erano l’1,5% lo scorso anno rispetto al 2% del 2013: sei paesi hanno il 3% o più di acque di balneazione di scarsa qualità o, comunque, con punteggio insufficiente.

Tra questi, la Francia con 99 acque di balneazione di bassa qualità, che rappresenta il 3% di tutti i suoi siti. Gli altri paesi sono Estonia (3,1%), Paesi Bassi (4,6%), Lettonia (3,6%), Slovacchia (3,1%) e Svezia (3,5%).

Nuotare in luoghi di balneazione con una scarsa qualità dell’acqua può portare a malattie – scrive l’Agenzia europea dell’ambiente, nella sua valutazione – I siti di balneazione classificati come scarsi devono essere chiusi per l’intera stagione balneare successiva e devono disporre di misure per ridurre l’inquinamento ed eliminare i rischi alla salute dei bagnanti.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 21-06-2022


Il 66% delle aziende italiane gestirà le proprie finanze in cloud entro il 2023

L’Università di Pisa apre un centro di ascolto contro la violenza di genere