Sammontana prepara la sfida della sostenibilità ambientale: l’azienda di gelati lancia il Barattolino eco-friendly e i lidi green.

Sammontana continua a guardare avanti. Dopo aver assunto 352 operai stagionali negli stabilimenti di Lucca e Empoli riconoscendo uno stipendio medio ai suoi lavoratori, l’azienda produttrice di gelati si impegna per salvaguardare la salute dell’ambiente e il benessere dei consumatori. Il primo passo è stato il lancio delle linee Fruttiamo e Amando compatibili con una dieta vegana. I prossimi li rivela Carlo Chizzolini, direttore generale Industriale e Ambiente del gruppo dell’iconico Barattolino in un’intervista concessa al Sole 24 Ore.

Sammontana: gelati sostenibili e certificati

La costruzione di una filiera alimentare sostenibile, dalla materia prima al packaging, è l’obiettivo numero uno di Sammontana. Un approccio inevitabile per un’impresa di gelati e pasticceria surgelata. Oltre a ridurre le emissioni di CO2 (il 12,6% per tonnellata di gelato dal 2016 ad oggi), l’azienda si è impegnata per sviluppare una serie di prodotti di eco-design.

Nell’ultimo anno – spiega Chizzolini – siamo passati, con l’intera gamma Barattolino, il nostro prodotto-icona – ne vendiamo circa 17-18 milioni in un anno – da plastica a carta. Un passaggio complesso, che va dal trovare l’imballaggio che garantisca la giusta sicurezza alimentare ad una serie di problematiche lungo tutta la catena del freddo prima di andare sul mercato. Ma sta avendo una ottima risposta da parte del consumatore”.

Un gelato al pistacchio
La rivoluzione green del gelato Sammontana

La missione di Sammontana non è soltanto eliminare la plastica. “In collaborazione con centri di ricerca e Università – rivela Chizzolini – stiamo portando avanti soluzioni futuriste, per impattare meno ma, allo stesso tempo, dare garanzia di sicurezza”. Questa ricerca è portata avanti nonostante “non siamo dei colossi come i nostri concorrenti in ambito gelato che sono multinazionali”.

Cerchiamo di fare la nostra parte – dichiara Chizzolini – perché, essendo i numeri due in Italia su gelato e numeri uno nella pasticceria surgelata, sentiamo di avere una responsabilità nel dover sviluppare queste ricerche”. Il gruppo ha firmato un accordo volontario con il ministero della Transizione Ecologica per sviluppare studi di Lca (Life cycle assessment), eco-design ed economia circolare. Il processo produttivo coinvolge pure fornitori e filiere.

Gli ombrelloni fotovoltaici Sammontana in spiaggia

I tre pilastri di Sammontana sono salute e benessere, filiere sostenibili e ambiente, come si legge sul sito dedicato alla sostenibilità. In questo percorso verde Sammontana si avvale di partner autorevoli (Legambiente, Spinlife, Ergo, Unione Italiana Food, Csqa) e dei propri clienti. Con la stagione estiva ormai nel vivo, i destinatari del progetto sono i gestori dei lidi.

Sammontana ha dotato circa 150 stabilimenti in tutta Italia di banchi frigoriferi a basso impatto ambientale e ombrelloni fotovoltaici. Questi ultimi servono ad alimentare sia i banchi frigo per il punto vendita dei gelati che l’intero sistema di raffreddamento con un innovativo sistema di nebulizzazione aria-acqua.

L’ombrellone smart che si apre come un origami è stato sviluppato dallo studio Cra – Carlo Ratti Associati in collaborazione con l’architetto Italo Rota e con l’ingegnere Chuck Hoberman. Oltre a riparare i bagnanti dai raggi Uv, li cattura e li trasforma in preziosa energia.

I primi a sperimentarlo sono le persone che affollano il Lido Bam, la spiaggia della Biblioteca degli Alberi sotto i grattacieli di Milano.

ultimo aggiornamento: 24-07-2021


La sostenibilità premia le aziende italiane del settore food and beverage

Alzheimer, nasce in Calabria la prima CasaPaese: un progetto terapeutico da imitare