DAZN ha conquistato la Serie A spodestando Sky, che si “accontenta” della Champions League ma con Mediaset e Amazon: come orientarsi in questo rompicapo?

Il calcio in TV è un affare apparentemente semplice. In realtà non è così. Dopo 18 anni di strapotere Sky, DAZN si è aggiudicata i diritti del campionato italiano per il triennio 2021-2024. Non solo: Amazon Prime Video ha ottenuto 16 partite di Champions League fino al 2024. Quella 2021-2022 sarà quindi la prima stagione in cui si potranno vedere tutta la Serie A e la Champions esclusivamente in streaming. Alle due offerte di DAZN e Prime Video si affiancano infatti quelle tradizionali di Sky e Mediaset. Ma quanto costerà agli appassionati seguire le due competizioni per intero?

Serie A in TV: dove vederla il prossimo anno

DAZN ha battuto la concorrenza con un’offerta pari a 840 milioni di euro a stagione. Il colosso di Len Blavatnik trasmette tutte e dieci le partite di ogni turno di Serie A con un unico abbonamento. A partire da luglio, il costo passa da 9,99 euro a 29,99 euro al mese. Chi si abbona entro il 28 luglio, ha diritto ad uno sconto: 19,99 euro al mese per un anno, quindi tutta la Serie A a 240 euro.

Per evitare i problemi di connessione che tantissimi utenti hanno riscontrato nel corso della passata stagione, su tutti durante Inter-Cagliari, DAZN valuta anche uno spezzatino mai visto prima d’ora. L’app potrebbe prevedere dieci partite in dieci orari diversi. Quattro finestre al sabato – 14:30, 16:30, 18:30 e 20:45 – e cinque la domenica – 12:30, 14:30, 16:30, 18:30 e 20:45 – con il posticipo del “Monday Night” del lunedì alle 20:45.

Un uomo guarda una partita in tv
Serie A e Champions, altro che relax

Sky deve accontentarsi di tre partite per ogni turno: gli incontri del sabato alle 20:45, quelli della domenica alle 12:30 e il posticipo del lunedì alle 20:45. La pay-tv satellitare si ridimensiona e perde pezzi: dopo tre anni Marco Foroni lascia il ruolo di direttore editoriale e coordinatore di redazione.

Non è ancora stato ufficializzato il costo dell’abbonamento. Se dovesse venire confermato l’attuale pacchetto, il pass Sport con NOW è il più conveniente: per 14,99 euro al mese si hanno l’offerta del servizio di streaming e i contenuti Calcio e Sport di Sky.

Champions League: dove vederla nel 2021-2022

La Champions League 2021-2022 è un autentico rompicapo per i tifosi. Sky e Mediaset hanno ottenuto gli stessi diritti (una per satellite e Internet e la seconda solo in streaming) per 121 partite in co-esclusiva. L’azienda di Cologno Monzese ha lanciato il servizio Mediaset Infinity e chiede 7,99 euro al mese per un abbonamento unico con Champions, film, serie e programmi. Il Biscione trasmette pure 17 incontri in chiaro su Canale 5: i match del martedì sera, le migliori partite del martedì, le due semifinali e la finale.

La grossa novità è rappresentata da Amazon Prime Video: la piattaforma del colosso dell’e-commerce si è aggiudicata l’esclusiva delle 16 partite di cartello del mercoledì, che saranno a disposizione di tutti gli abbonati Prime senza costi aggiuntivi. Non solo: Prime Video starebbe pensando di affidare la telecronaca delle partite di Champions alla coppia Sandro Piccinini e Massimo Ambrosini.

Europa League in TV e gli altri campionati

A Sky, oltre alla Champions e ai brandelli di Serie A, va il resto del calcio europeo. La pay-tv trasmette in esclusiva tutta l’Europa League e la Conference League, la nuova competizione che vede impegnate la settima classificata in Serie A, le squadre delle nazioni più piccole e le fuoriuscite dai gironi di Champions ed Europa League. Se DAZN ha fatto sua la Liga spagnola, Sky ribatte con la Premier League inglese, la Bundesliga tedesca e la Ligue 1 francese. Su Sky c’è infine tutta la Serie B.

Tirando le somme, a chi preferisce la Serie A e snobba la Champions conviene sottoscrivere l’abbonamento a DAZN entro il 28 luglio a 240 euro annuali. I consumatori pallonari che amano il grande calcio europeo e vogliono fare a meno di quello nostrano, possono scegliere tra Sky/Mediaset e Prime Video. Chi vuole vedere tutto, deve mettersi l’anima in pace: è costretto ad avere tre abbonamenti. Uno a DAZN per la Serie A, uno a Sky per la Champions League e i campionati stranieri, uno ad Amazon Prime Video per le partite di spicco della Champions.


COVID-19: avremo bisogno di una terza dose di vaccino? Ecco cosa dicono gli esperti

Assegno unico figli 2021, si parte da luglio: tutto quello che c’è da sapere