I consumi di shampoo solido stanno aumentando. Scopriamo insieme perché dovremmo preferirlo ai classici prodotti liquidi.

Negli ultimi tempi come non mai, è tornato in auge lo shampoo solido. Anche se molti non intendono convertirsi a questo prodotto neanche sotto tortura, scopriamo perché utilizzarlo è ‘cosa buona e giusta’. Non è soltanto una scelta green, ma anche una piccola coccola nei confronti dei capelli. Non a caso, i consumi delle saponette per la chioma sono aumentati.

Shampoo solido: lievitano i consumi

Lo shampoo solido non è altro che una saponetta che va utilizzata al posto del classico prodotto liquido per capelli. A differenza dello shampoo in flacone, però, non contiene acqua. È un prodotto che alcuni identificano come innovativo, ma, scavando nei diari di nonne e bisnonne, potremmo trovare diverse ricette utili. Un tempo, infatti, sia le donne che gli uomini utilizzavano saponi solidi, sia per il corpo che per la chioma. Mentre una volta gli ingredienti a disposizione erano pochi, oggi troviamo in commercio formule per tutti i gusti e, soprattutto, adatte ad ogni tipo di capello.

sapone shampoo solido
sapone shampoo solido

Grazie all’ampia gamma di scelta e alla grande praticità dello shampoo solido, i consumi sono notevolmente aumentati. È altresì vero che molti si convertono al suo utilizzo anche per una scelta green ed ecosostenibile. Non dimentichiamoci inoltre del risparmio: con la saponetta sono garantiti almeno 80 lavaggi, ovvero il triplo rispetto al corrispettivo liquido.

La formulazione dello shampoo solido, grazie all’assenza di acqua, garantisce l’assenza di ingredienti inquinanti e poco salutari, come i conservanti di origine artificiale. Quanti dovessero avvicinarsi a questo prodotto per la prima volta, noteranno infatti che la sua quantità di schiuma è nettamente inferiore al collega liquido. Questo non significa, però, che un buon lavaggio non sia garantito. La saponetta per capelli, infatti, è fatta con gli stessi detergenti che vengono impiegati per lo shampoo classico.

Shampoo solido: perché dovremmo preferirlo?

Oltre ai pregi precedentemente elencati, lo shampoo solido presenta altri pro che non vanno sottovalutati. Innanzitutto, la sua formula è naturale al 94% (o più) ed è concentrata. Per assicurarvi un buon prodotto, però, fate attenzione all’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) per essere sicuri che dietro ad uno shampoo solido non si nasconda una semplice saponetta. Inoltre, considerate la praticità, soprattutto nei viaggi in aereo: essendo un prodotto non liquido, non avrete problemi con l’imbarco dei bagagli.

Infine, non dimentichiamo che è privo di packaging ed è semplicemente avvolto con un foglio di carta, generalmente riciclata o riciclabile. Pertanto, questo prodotto è sostenibile e rispetta pienamente la biodiversità.


Cos’è e come funziona l’omeopatia?

Le persone con disabilità incontrano barriere anche nel digitale