A rivelare gli aspetti positivi e quelli negativi per il benessere dei bambini è uno studio dell’Università del South Australia.

A favorire il benessere nei bambini sarebbero lo sport, la musica e le attività extrascolastiche. Al contrario, invece, tv, videogame e apparecchi tecnologici renderebbero i piccoli meno felici. A dirlo è un nuovo studio portato avanti dai ricercatori dell’Università del South Australia e del Dipartimento per l’Educazione australiano. Lo studio ha preso in esame un campione di circa 60mila studenti tra i 9 e i 15 anni. Si è cercato di capire cosa renda più felici i bambini, soprattutto quelli provenienti da contesti economici e sociali difficili.

I risultati dello studio australiano

I risultati dello studio sono pubblicati su BMC Pediatrics e hanno fatto emergere dati interessanti. In particolare è stata rilevata la differenza tra i bambini che trascorrono più tempo in attività come sport e impegni extrascolastici di tipo creativo, e quelli che invece passano più tempo davanti alla tv e con i videogame. Un dato particolare riguarda i bambini provenienti da contesti socioeconomici difficili: se praticano sport il 15% di loro avrebbe più possibilità di essere ottimisti, il 14% di essere soddisfatti della propria vita e il 10% di saper regolare le proprie emozioni. I benefici si riscontrano anche passando il tempo con i propri coetanei o praticando altre attività ricreative.

bambina studia
bambina

Altri dettagli emersi

Lo studio, inoltre, mette in luce anche le attività che avrebbero un impatto negativo sui bambini. Ad esempio giocare ai videogiochi o usare i social media potrebbe portare il 9% di probabilità in meno di essere felici, l’8% di essere ottimisti e l’11% di possibilità in più di arrendersi davanti alle difficoltà. Tuttavia, come sottolineato dagli stessi ricercatori dello studio, queste percentuali non vanno necessariamente associate alla mancanza di movimento fisico. Lo studio dimostra infatti che anche attività come leggere o fare i compiti, sebbene sedentarie, hanno un impatto positivo sul benessere dei più piccoli. La conclusione dunque porta ad un risultato: tv, videogame e social non aiutano i bambini.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 10-07-2022


L’intelligenza artificiale per migliorare la raccolta dei rifiuti: il progetto

Buoni pasto, i ticket sono salvi: cosa prevede l’accordo sulle commissioni