Il settore delle costruzioni sta vivendo mesi di grande fermento dopo lo stop imposto dalla pandemia nella primavera 2020.

In questo momento nel nostro paese in ambito edile si riscontra il grande successo delle ristrutturazioni e dell’efficientamento energetico, spinto dagli ecobonus compreso il superbonus 110%, ma il comparto sarà interessato anche dal PNRR in partenza.

Le previsioni per il settore delle costruzioni sono molto positive e in tutta Europa sono stati pianificati gli investimenti nelle infrastrutture che daranno un forte impulso alla ripresa economica tanto da prevedere una crescita del 3,6% circa. La strategia di molti paesi, Italia compresa, è quella di costruire le grandi opere con tutti i canoni di sostenibilità ed efficienza come richiesto dal Green Deal europeo a partire dal 2023.

Lo stesso possiamo dire per l’edilizia privata dato che sono molti gli incentivi che vanno in questa direzione.

tendenze nel settore costruzioni 2022

Se è vero che il prossimo futuro è incoraggiante per l’edilizia non possiamo tralasciare l’incidenza dei prezzi su questo settore. A causa della pandemia sono aumentati i costi delle materie prime, delle utenze e dei trasporti e questo trend è amplificato dalla guerra in Ucraina.

Il rincaro dei prezzi ed i ritardi logistici hanno creato problemi di approvvigionamento dei materiali ma anche notevoli difficoltà alle filiere produttive dei componenti delle macchine da costruzione. Alcuni cantieri in Italia hanno dovuto rallentare i lavori, ed in alcuni casi stopparli, proprio per mancanza di materiale o difficoltà nel reperire le macchine.

La richiesta di nuovi macchinari è costante poiché il mondo delle costruzioni sta creando grandi opportunità di lavoro sia nel settore pubblico che privato.

In questo panorama caratterizzato da rosee previsioni in termini di volumi di lavoro ma anche da problematiche evidenti operano le aziende di noleggio italiane.

L’intero comparto ha vissuto un 2021 da record, registrando una crescita del 20% circa, e per il 2022 è prevista un’espansione del 12% circa.

L’edilizia è il settore in cui storicamente si ricorre di più al noleggio e negli ultimi mesi sono tornate a comparire le gru edili nei cantieri, attrezzature che era diventato raro vedere negli anni precedenti.

Lo stesso possiamo dire per i ponteggi, richiestissimi per via delle ristrutturazioni, ed i sollevatori telescopici che sono complementari, ed in alcuni casi sostitutivi, delle gru edili.

Per anni in Italia gran parte della clientela ha fatto ricorso al noleggio solo in casi di emergenza, rotture delle macchine di proprietà o picchi di lavoro mentre recentemente le aziende hanno deciso di noleggiare gran parte dei macchinari invece di acquistarli. Ciò deriva dalla crescente cultura del noleggio che ha portato aziende e privati a percepire i vantaggi che questa pratica comporta.

Il periodo proficuo del mercato dell’edilizia rappresenterebbe quindi una grande opportunità per aumentare il volume di lavoro anche per le aziende di noleggio se non vi fosse il problema del numero limitato di macchine disponibili.

La forte richiesta di macchinari e attrezzature riduce infatti la disponibilità del noleggio con molte aziende di questo settore che attendono da mesi la consegna delle nuove macchine che dovrebbero andare ad arricchire i parchi noleggio ma che stentano ad arrivare a causa delle problematiche descritte in precedenza.

Quella che è evidente è una tendenza ad inserire, pur con lunghi tempi di consegna, nei parchi noleggio macchine sostenibili.

I costruttori di macchine stanno proponendo sul mercato macchinari e attrezzature green caratterizzate dai nuovi motori Stage V ma anche ibride o elettriche.

Gli investimenti in macchine meno impattanti è un chiaro segnale da parte dei noleggiatori di voler prendere parte alla sfida della sostenibilità fissata dall’Accordo di Parigi sul clima.

In un mercato in continua evoluzione, con uno scenario macroeconomico che muta velocemente, il comparto del noleggio sta puntando forte sulla digitalizzazione.

Questo è uno dei trend più interessanti per il settore perché le aziende di noleggio stanno digitalizzando le proprie procedure per consentire al cliente di usufruire del servizio in maniera più semplice e smart.

Ed è così che in pochi mesi easyNoleggio si è affermata come leader in Italia del noleggio online di macchinari da lavoro. In pochi click ogni cliente può scegliere la macchina più adatta alle proprie esigenze, prenotarla per il periodo in cui ha bisogno e decidere se ritirarla al centro noleggio oppure farsela consegnare direttamente in cantiere.

La scelta di gestire online il rapporto con i propri fornitori, inclusi i noleggiatori di macchine, permette così al cliente di risparmiare tempo e di avere al contempo la garanzia di essere servito da aziende di noleggio professionali con anni di esperienza alle spalle.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 01-06-2022


L’Italia è il primo Paese in Europa per investimenti in tutela della biodiversità

Cuore rosa, maracas e giacinto: ecco i 21 nuovi emoji in arrivo nel 2023