Le risorse del Recovery Plan saranno usate anche per la valorizzazione delle ferrovie storiche, tra cui lo storico treno Firenze-Ravenna.

La storica tratta che va da Firenze a Ravenna è stata ripristinata in onore del 700esimo anniversario della morte del sommo poeta Dante Alighieri, avvenuta il 14 settembre del lontano 1321. Il viaggio di inaugurazione della vecchia locomotiva è avvenuto nella giornata del 6 giugno 2021 con la presenza a bordo, fra gli altri, del ministro della Cultura Dario Franceschini. Il treno partirà ogni sabato e domenica dalla stazione Santa Maria Novella di Firenze e giungerà sino alla costa romagnola, facendo capolinea nella stazione della città di Ravenna.

Il treno storico Firenze-Ravenna che ripercorre i luoghi di Dante

Lo storico convoglio italiano dedicato al poeta della Divina Commedia è una vecchia locomotiva a vapore che sembra appena uscita da una cartolina d’epoca. La tratta è quella Faentina, che attraversa gli splendidi paesaggi dell’Appenino tosco-emiliano: collega la città natale di Dante, Firenze, con quella che lo ha ospitato durante l’esilio e ancora ne custodisce le spoglie, Ravenna.

Il famoso cento-porte, di proprietà delle Ferrovie dello Stato, è stato restaurato in ogni minimo dettaglio e reso di nuovo fruibile ai cittadini. Sarà possibile per tutti viaggiare a bordo del treno soltanto durante i weekend, a partire dal 3 luglio e fino al 10 ottobre 2021.

Dario Franceschini ha sottolineato l’alto valore simbolico della ripartenza della tratta Faentina, soprattutto in questo momento storico in cui è più che mai necessario investire nel nostro ricco patrimonio culturale. Questo viaggio è stato reso possibile, infatti, anche grazie al denaro proveniente dal Recovery Fund. Il Ministero della Cultura si è impegnato a collaborare con la Fondazione Ferrovie dello Stato per ridare nuova vita ai treni d’epoca e alle tratte ferroviarie che attraversano i luoghi più straordinari del nostro Paese.

Il viaggio inaugurale del treno di Dante

Durante la corsa inaugurale tenutasi lo scorso 6 giugno è stata effettuata anche una fermata intermedia nella città di Marradi, in provincia di Firenze. La sosta è servita perché i passeggeri potessero assistere al concerto dell’Orchestra “Luigi Cherubini”.

II concerto è stato diretto dal celebre direttore d’orchestra Riccardo Muti. Lo spettacolo si è svolto in onore della riapertura del Teatro degli Animosi, prestigioso palcoscenico risalente agli inizi del XIX secolo.

A bordo del convoglio, oltre al già citato ministro Franceschini, c’erano anche il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e il sindaco fiorentino Dario Nardella. Erano presenti anche altre personalità di spicco della città di Firenze, come il direttore della Galleria degli Uffizi, lo storico dell’arte Eike Schmidt.

Riproduzione riservata © 2021 - LEO

ultimo aggiornamento: 13-06-2021


Vino sfuso: un trend in crescita sulle tavole italiane

Antonino Cannavacciuolo apre una pasticceria nel borgo di Orta San Giulio