L’università più bella del mondo è in Campania, a Bacoli: la struttura, con vista mare, è una dimora storica dell’800 confiscata alla camorra.

Un sogno che diventa realtà: l’università più bella del mondo sorge all’interno di una dimora storica, sottratta alla camorra, e gode di vista mare. Stiamo parlando del nuovo Ateneo di Bacoli, in provincia di Napoli, sorto grazie alla collaborazione con l’Università Federico II del capoluogo campano.

L’università più bella del mondo è a Bacoli: com’è?

Grazie alla collaborazione con il polo Federico II di Napoli, a Bacoli è nata l’università più bella del mondo. La facoltà sorge a Villa Ferretti, bene confiscato alla camorra che fino a qualche tempo fa ospitava un parcheggio abusivo. L’inaugurazione del nuovo Centro di Alta Formazione sull’Umanistica digitale si è svolta lo scorso 27 ottobre, alla presenza delle istituzioni: il rettore dell’Ateneo federiciano Matteo Lorito, il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, il direttore del Parco Archeologico dei Campi Flegrei Fabio Pagano e il sindaco di Bacoli Josi Gerardo Della Ragione.

Era un bene della camorra. Un parcheggio abusivo. Lo abbiamo trasformato in un parco pubblico. Con teatro all’aperto, ed una spiaggia libera affacciata su mare cristallino. È a Bacoli, sulla costa di Baia. Il Parco Pubblico di Villa Ferretti. Un prato verde, bellissimo. Sempre curato. Grazie ad un custode comunale. Pietro. Con gradinate, panchine, aiuole, piante. Da luogo della malavita, a patrimonio di tutti. Tra il Castello Aragonese e l’Università Federico II. Tra Baia Sommersa ed il Museo Archeologico. Ci abbiamo creduto. Ci stiamo riuscendo. Insieme, siamo più forti. Qui lo Stato ha vinto. Un passo alla volta“, ha scritto il sindaco di Bacoli su Facebook.

Villa Ferretti: l’università più bella del mondo ha vista mare

Villa Ferretti è una storica dimora ottocentesca situata ai piedi del castello di Baia. Sottratta alla camorra, per i prossimi 20 anni sarà la sede del Centro di Alta Formazione della Federico II. E’ bene sottolineare che l’accordo, sottoscritto dal rettore Matteo Lorito e dal sindaco di Bacoli Josi Gerardo Della Ragione, potrebbe anche essere prolungato. All’interno dell’università più bella del mondo, gli studenti potranno dedicarsi a progetti volti alla “valorizzazione dell’ecosistema dell’umanista digitale” e a ricerche “linguistiche, filologiche, letterarie e di metodologie storico-artistiche ed archeologiche“. Il tutto, dato da non sottovalutare, sarà accompagnato da una splendida vista mare.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 15-11-2022


Occupazione, crescono le assunzioni: nel mese di settembre +46mila

The Line: l’Arabia Saudita al lavoro per la città verticale nel deserto