Where ARE U è l’app che, grazie a specifiche funzionalità, permette di ricevere più facilmente un soccorso immediato in caso di emergenza.

Chiunque può scaricare gratuitamente sul proprio smartphone l’app dal nome inglese Where ARE U (letteralmente ‘Dove sei?’). Le sue funzionalità permettono con estrema facilità e il più velocemente possibile di contattare i soccorsi nel caso ci trovi in una situazione di emergenza. Where ARE U localizza la posizione dell’utente con estrema precisione e la fornisce subito alle autorità competenti. L’app è collegata direttamente alle Centrali Uniche di Risposta del Numero di Emergenza Unico europeo 112.

A cosa serve Where ARE U, l’app del 112?

Con Where Are U, l’app ufficiale dell’emergenza, si possono contattare tutti i tipi di soccorso: Vigili del Fuoco, ambulanze del Soccorso Sanitario e Autorità di Pubblica Sicurezza (Carabinieri e Polizia di Stato).

App emergenza
App emergenza

È uno strumento efficace in tutti quei casi in cui non si riuscirebbe a fornire per telefono informazioni precise e puntuali: un incidente stradale, un’aggressione, e qualsiasi altra situazione metta un individuo in stato di shock.

L’applicazione è connessa alle Centrali Uniche di Risposta (CUR) del Numero Unico di Emergenza 112, valido in tutti i Paesi membri dell’Unione Europea.
La CUR 112 può, in realtà, risalire autonomamente a una certa area di probabilità in cui si trova l’utente che sta telefonando. Tuttavia, tramite l’app, la localizzazione è di gran lunga più precisa e viene direttamente trasmessa alla CUR via sms, o attraverso la rete dati. In questo modo si riduce notevolmente il tempo di intervento.

Vi è un unico limite attualmente: si può usufruire del servizio soltanto nelle regioni in cui è attivo il 112, ovvero meno della metà del territorio italiano. Il sito ufficiale di Where ARE U ha reso consultabile una mappa che indica con chiarezza i luoghi dove il servizio è effettivamente disponibile.

Come funziona l’app delle emergenze?

Il primo passo da compiere è effettuare il download dell’app, disponibile sia per gli utenti Android, che per i possessori di iPhone. È necessario registrarsi e, dopo l’accesso col nuovo account, bisognerà fornire gli altri dati fondamentali in caso di emergenza.

Per chi vuole, esiste anche la possibilità di caricare una propria fotografia identificativa. Inoltre, il servizio permette anche di creare una lista di numeri da contattare se ce ne fosse necessità (recapiti di familiari, amici, vicini di casa).

Se per qualsiasi motivo l’utente non potesse parlare, potrà effettuare volontariamente una chiamata muta, oppure scegliere di interloquire con l’operatore tramite un’apposita chat. Inoltre, non è necessario avvertire che si sta chiamando tramite l’applicazione, poiché il sistema informatico lo segnala in automatico.

Nel caso in cui il chiamante non sia direttamente coinvolto nell’evento e voglia solamente effettuare una segnalazione, deve toccare l’icona fino a farla diventare di colore verde: in questo modo l’operatore saprà che l’utente è in grado di rispondere a ulteriori e più approfondite domande.

ultimo aggiornamento: 22-03-2021


Le 9 imprese agricole italiane più innovative premiate da Confagricoltura

Amazon annuncia l’apertura di un nuovo centro a Bergamo: previste 900 assunzioni