L’Italia è in zona gialla e sono molti quelli che sognano di fare un weekend fuori porta: quali sono le regole per alberghi & Co?

Quello del 06 febbraio 2021 è il primo weekend che vede la maggior parte delle regioni italiane in zona gialla. Questo significa che, in parte, quanti vorranno potranno tornare a viaggiare. Ovviamente, ci sono dei limiti, ma considerando la prigionia vissuta negli ultimi mesi, anche una gita fuori porta sembra un grande traguardo.

Anche se quasi tutta Italia è in zona gialla, ci sono comunque delle regole da rispettare. Dal coprifuoco ai musei, passando per gli alberghi e i ristoranti: cosa possono e non possono fare i cittadini?

Italia in zona gialla: cosa è consentito fare?

Habemus zona gialla: per qualcuno è un traguardo, per tanti altri non cambia nulla. Eppure, anche se le restrizioni continuano ad esserci, questo cambio di colore consente di avere un po’ di libertà in più.

  • Innanzitutto, con la zona gialla non è più vietato uscire fuori dal proprio comune.
  • Si può viaggiare in tutta la regione di appartenenza.
  • Si può tranquillamente soggiornare in albergo. Pertanto, quanti avessero voglia di concedersi un weekend di svago potranno farlo. Le strutture ricettive, infatti, sono aperte. Quante hanno i ristoranti al loro interno, inoltre, possono garantire colazione, pranzi e cene.
amici al bar in zona gialla
amici al bar in zona gialla

Zona gialla: cosa non si può fare?

Come hanno ripetuto più e più volte i sindaci di tutte le città italiane, però, zona gialla non significa un “tana libera tutti“. Ecco che cosa non possiamo ancora fare:

  • Per quanto riguarda gli spostamenti fuori regione, invece, questi non sono consentiti fino al 15 febbraio 2021. Discorso a parte per coloro che hanno una seconda casa: se la stessa è situata fuori dalla regione di appartenenza, si potrà andare soltanto se è di proprietà o con un contratto di affitto firmato prima del 14 gennaio 2021.
  • È bene sottolineare, infine, che il coprifuoco è sempre valido in tutte le zone dalle 22:00 alle 5:00 del mattino successivo.

Quali attività sono aperte?

Quanti vogliono concedersi un fine settimana di svago potranno andare al bar o al ristorante? Sì, queste strutture sono aperte, ma solo fino alle 18:00. Dopo questo orario, il servizio al tavolo è sospeso e si potrà fare soltanto l’asporto.

I musei e le mostre, invece, sono chiusi nel fine settimana e aperti soltanto dal lunedì al venerdì. Ovviamente, si può accedere solo con mascherina e mantenendo la distanza di sicurezza. Inoltre, i tempi sono contingentati ed è consigliato prenotare la visita.

I centri termali resteranno chiusi, ad eccezione di quelli che erogano prestazioni essenziali di assistenza e attività riabilitative o terapeutiche.

I centri commerciali, tranne che farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie, sono chiusi durante il weekend.


Boom di cibo biologico durante la pandemia, Italia leader in Europa

Drive win: l’idea per migliorare le prestazioni al volante degli over 65