Daniele Bartocci è giornalista sportivo e responsabile dei nuovi progetti di Tre Valli Cooperlat: scopriamo come coniuga i due settori.

Daniele Bartocci si occupa di due settori all’apparenza opposti: giornalismo sportivo e marketing aziendale. Marchigiano e con una grande passione per il mondo dello sport, ha conquistato diversi riconoscimenti importanti, come il Myllenium Award 2020. Scopriamo come, con tenacia e grinta, è riuscito ad ottenere anche l’appellativo di “giovane giornalista italiano pluripremiato” (Millionaire).

Chi è Daniele Bartocci: la biografia

Classe 1989, Daniele Bartocci nasce il 26 giugno a Jesi, in provincia di Ancona. Appassionato di giornalismo fin da bambino, sono stati la nonna materna, di professione maestra, e lo zio a insegnargli i primi rudimenti del mestiere. Lo zio era il giornalista e storico Giuseppe Luconi, corrispondente della Rai e di altre importanti testate, scomparso il 15 marzo 2014.

A soli 16 anni, mentre frequenta l’istituto di Ragioneria, inizia a scrivere per giornali e magazine locali e non, sia cartacei che online. In questo periodo fa anche le prime esperienze come telecronista e radiocronista, occupandosi per lo più del mondo sportivo. Dopo il diploma, Daniele si iscrive alla facoltà di Economia e Commercio e, nel frattempo, porta avanti anche la professione di giornalista. Poco dopo aver compiuto 20 anni, ottiene un contratto con il Corriere Adriatico, dove si occupa prima di cronaca e attualità, poi di sport. È in quest’ultimo settore che ottiene un altro entusiasmante ingaggio: responsabile ufficio stampa e speaker della Jesina Calcio.

Dopo la laurea in Economia e Commercio con il massimo dei voti, consegue un master in Sport Marketing & Communication. La sua tesi magistrale, tra l’altro, si classifica quinta al Premio di Laurea Nazionale Cavalier Filippo Marazzi. Attualmente, oltre ad occuparsi di giornalismo sportivo, è responsabile del piano ‘Sviluppo nuovi progetti’ dell’azienda Tre Valli Cooperlat.

Un premio tira l’altro

Il 2011 è l’anno in cui Daniele Bartocci diventa giornalista a tutti gli effetti, iscrivendosi all’Ordine. Nel 2013, su oltre 6000 neo laureati a livello nazionale, viene selezionato con altri 79 giovani per entrare a far parte del Progetto Confindustria per i giovani. Il 2014 lo vede conquistare un altro importante riconoscimento, il premio del Progetto Talenti per la crescita, che gli consente di ottenere un contratto con il gruppo di comunicazione Alceo Moretti.

Sempre nel 2014, con bis nel 2015, vince il Progetto Nazionale Eccellenze in Digitale. Promosso da Google e Unioncamere con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico, è finalizzato alla digitalizzazione delle Piccole e Medie Imprese (PMI).

Tanti i riconoscimenti ricevuti, come: premio Overtime Web Festival 2018 per il miglior articolo su sport individuali, premio giornalistico nazionale Mimmo Ferrara (2019), premio al Festival Nazionale del Racconto, Etica e Giornalismo Sportivo (2019), vincitore del premio Racconti Sportivi 2019 e 2020 e vincitore del prestigioso Myllennium Award 2019. Come se non bastasse, nel 2019 è stato eletto miglior giornalista under 30 nel contesto del Premio Renato Cesarini e nel 2020 ha vinto il Premio speciale nella sezione letteratura sportiva Giovanni Arpino del Premio InediTO di Torino.

Esperto di comunicazione e marketing, è iscritto anche all’Ordine dei Consulenti Finanziari.

6 curiosità su Daniele Bartocci

– Come giornalista sportivo, Daniele Bartocci ha partecipato a diversi eventi importanti, come: Sport Digital Marketing Festival, Gran Galà del Calcio serie A Milano 2018, Gran Galà Calcio 2019, Gran Galà Calcio serie B 2018 e 2019.

The Way Magazine lo definisce “giornalista gentleman” e l’ha inserito nella classifica Best Young Journalist.

– È ideatore e organizzatore del Premio Giornalistico Nazionale Giuseppe Luconi, in memoria dell’adorato zio.

– Nel 2021 ha pubblicato un libro intitolato Happy Hour da fuoriclasse al BarTocci.

– Cosa sappiamo della sua vita privata? Daniele Bartocci è impegnato con una ragazza di nome di Martina.

– Gli è stato conferito l’attestato di Benemerito della Cultura dal Versilia Club, in vista del Premio Internazionale città di Massa, patrocinato dalla Regione Toscana.

ultimo aggiornamento: 18-04-2021


Chi è Maria Chiara Carrozza, da Ministro dell’Istruzione a presidente del CNR

Chi è Marina Salamon, una vita divisa tra l’imprenditoria e la famiglia