Matteo Renzi è uno dei politici di spicco degli ultimi vent’anni: ex sindaco di Firenze ed ex premier, è oggi leader di Italia Viva.

Ex sindaco di Firenze e oggi leader del partito Italia Viva, Matteo Renzi è riuscito a costruirsi una carriera in politica partendo dal basso, supportando la nascita dei Comitati per Prodi. All’epoca frequentava ancora il liceo, ma sembrava già avere le idee chiare. Scopriamo la sua biografia: dai primi passi a Rignano sull’Arno ad oggi.

Chi è Matteo Renzi: la biografia

Classe 1975, Matteo Renzi nasce l’11 gennaio a Firenze da papà Tiziano e da mamma Laura Bovoli. Cresce a Rignano sull’Arno, dove fin da piccolino frequenta il gruppo Scout. Dopo il diploma al liceo classico, nel 1999 si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi del capoluogo toscano. Subito dopo entra a lavorare nell’azienda di famiglia, la CHIL Srl, dove riveste il ruolo di dirigente e si occupa di marketing. Nel frattempo, diventa caporedattore della rivista Camminiamo insieme.

Il primo impegno in politica arriva durante gli anni universitari, quando contribuisce alla nascita dei Comitati per Prodi. In seguito assume il ruolo di segretario provinciale del Partito popolare italiano (Ppi) e coordinatore de La Margherita fiorentina. Nel 2008 decide di candidarsi come sindaco di Firenze con il Partito Democratico (PD), vincendo con il 40,52% dei voti e mantenendo l’incarico fino al 2014. Nel 2013 viene eletto segretario del PD, mentre a febbraio del 2014 arriva al Governo, dove, dopo le dimissioni di Enrico Letta, viene nominato Presidente del Consiglio incaricato.

Matteo Renzi: la carriera

Dopo essere diventato Presidente del Consiglio, Matteo Renzi dà inizio a quella che considera la sua rivoluzione: dalle riforme del mercato del lavoro a quelle della pubblica amministrazione, passando le politiche economiche, di immigrazione clandestina, pubblica istruzione e unioni civili. Nel mese di luglio del 2014 diventa Presidente del Consiglio dell’Unione europea. In seguito alla sconfitta di un referendum, a dicembre del 2016 Renzi rassegna le sue dimissioni.

Nel mese di dicembre del 2019, diventa leader del partito Italia Viva, fondato da lui stesso dopo l’abbandono del PD. In occasioni delle elezioni politiche straordinarie del 25 settembre 2022, Renzi stringe un accordo con Carlo Calenda per la formazione di un Terzo Polo. Matteo è favorevole a: ricambio generazionale della classe dirigente, riduzione del costo della politica, elezione diretta dei politici da parte dei cittadini, abolizione dei vitalizi, cancellazione dei contributi statali ai giornali di partito e unioni civili.

Quanto guadagna Matteo Renzi?

Ai tempi del mandato come sindaco di Firenze, dal 2009 al 2014, Matteo Renzi percepiva uno stipendio lordo annuo di 90.961 euro, per un totale di circa 4.300 euro netti al mese. Quando era presidente del Consiglio, invece, aveva un compenso di 80.000 euro lordi all’anno, con un assegno mensile di 6.700 euro netti. Come senatore, invece, guadagna di più: tra stipendio, extra e vari rimborsi, percepisce 14.634,89 euro netti al mese. La sua dichiarazione dei redditi del 2020 è pari a 1.092.132 euro, cifra che comprende anche gli incassi relativi alla sua ricca attività di conferenziere.

La vita privata di Matteo Renzi

Matteo Renzi è sposato con Agnese Landini, di professione insegnante di liceo. Dopo il matrimonio, avvenuto nel 1999, la coppia ha avuto tre figli: Francesco, Emanuele ed Ester. Ospite del programma Rivelo nel 2020, il leader di Italia Viva ha così parlato del suo rapporto con la moglie: “Ci siamo conosciuti durante gli scout. Gli scout sono una bellissima opportunità educativa. Nel nostro caso sono anche un’incredibile agenzia matrimoniale… anche mia sorella si è sposata incontrando il marito agli scout. (…) Il primo passo l’ho fatto io. Galeotta è stata una settimana bianca“.

Docente presso alcuni licei di Firenze, Agnese è una cattolica praticante – suo fratello è prete – ed è un’appassionata di corsa, sport che condivide con il marito. In una vecchia intervista al settimanale Chi, Matteo ha ammesso: “Mia moglie Agnese è la mia forza. Nei mille giorni che ho trascorso al Governo è stata una presenza costante e discreta, che mi ha accompagnato anche nelle fatiche, nelle tante difficoltà“.

3 curiosità su Matteo Renzi

Matteo Renzi ha scritto diversi libri: Mode – Guide agli stili di strada e in movimento, Ma le giubbe rosse non uccisero Aldo Moro (in collaborazione con Lapo Pistelli), Fuori!, Stilnovo e Oltre la rottamazione.

-Nel 1994 ha partecipato come concorrente per cinque puntate consecutive del programma televisivo La ruota della fortuna, vincendo 48,4 milioni di lire.

-Una delle più grandi passioni di Renzi è il calcio. E’ tifoso sfegatato della Fiorentina e, in gioventù, ha arbitrato alcune partire di Seconda Categoria.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 19-09-2022


Chi è Carlo Calenda: dal primo e unico ruolo da attore alla politica

Chi è Emma Marcegaglia, imprenditrice di successo e una delle donne più ricche al mondo