I Maneskin sono la band rivelazione del 2021. Dopo Sanremo e l’Eurovision, si sono esibiti anche prima di un concerto dei Rolling Stones.

Diventati famosi in primis a X Factor, e poi grazie alla vittoria al Festival di Sanremo 2021, i Maneskin hanno ottenuto un successo mondiale del tutto inaspettato. Hanno trionfato anche all’Eurovision Song Contest, arrivando perfino ad esibirsi a un concerto dei Rolling Stones. Tutto questo in una manciata di mesi. Scopriamo i primi passi della band, dalla periferia romana all’olimpo della musica.

Chi sono i Maneskin: i primi passi della band

La band Maneskin è composta da Damiano David, Victoria De Angelis, Ethan Torchio e Thomas Raggi. Nati e cresciuti a Roma, tra Monteverde e Bravetta, i quattro ragazzi si sono conosciuti tra i banchi di scuola. È qui che i professori gli dicevano di stare “Zitti e buoni” ed è proprio dagli insegnanti che si sono lasciati ispirare per il brano omonimo che hanno presentato al Festival di Sanremo 2021. Facciamo un passo indietro. I primi componenti della band sono stati Victoria e Thomas, che andavano alle medie insieme. Lei bassista e lui chitarrista, entrambi classe 2000, sono riusciti ad attirare l’attenzione di Damiano ai tempi del liceo classico che tutti e tre frequentavano. A loro, rispondendo ad un semplice annuncio social, si è unito Ethan, il batterista. A questo punto, la band è formata e nel 2015 sono nati i Maneskin.

Due anni di prove estenuanti, con qualche esibizione nei circoli romani, e poi è arrivato il palco di X Factor. Siamo nel 2017, i Maneskin riescono ad arrivare in finale, ma il primo posto viene conquistato da Lorenzo Licitra. “Come la Roma. E’ la più forte e arriva sempre seconda“, esclama la band dopo la lettura del verdetto. Ingaggiati dalla casa discografica Sony Music, pubblicano l’EP Chosen, certificato doppio disco di platino dalla FIMI (Federazione Industriale Musica Italiana). Il secondo album, intitolato Il bello della vita, esce nel 2019 e ottiene un grande successo: i singoli Morirò da re e Torna a casa li rendono famosi in tutto lo Stivale.

Da Sanremo 2021 al successo mondiale

Nel 2021 arriva la grande occasione: presentano il brano Zitti e buoni al Festival di Sanremo e Amadeus accetta con entusiasmo il loro sound. Rock graffiante e look sui generis colpiscono giuria e telespettatori: i Maneskin vincono la manifestazione più importante del nostro Paese. Volano così a Rotterdam, dove conquistano anche l’Eruovision Song Contest 2021, riportando l’evento in Italia dopo anni e anni di assenza (prima di loro, per l’Italia avevano vinto solo Gigliola Cinquetti, nel 1964, e Toto Cutugno, nel 1990). Nello stesso anno esce l’album Teatro d’Ira – Vol. I e, grazie ai brani intitolati I Wanna Be Your Slave e Coraline, oltre che al precedente Zitti e buoni, entrano nelle classifiche settimanali europee e in quella mondiale di Spotify. Come se non bastasse, Zitti e buoni e I Wanna Be Your Slave fanno il loro ingresso nella classifica Billboard Global 200 Excl. US.

A questo punto, il successo dei Maneskin è sulla bocca di tutti, non solo dei fan italiani. Partecipano al Tonight Show di Jimmy Fallon e il 6 novembre del 2021 si esibiscono a un concerto dei Rolling Stones all’Allegiant Stadium di Las Vegas. Dopo questa esperienza tornano in Patria come veri e propri eroi, tanto che Striscia la Notizia gli consegna il famoso Tapiro d’oro, ‘premio’ che solitamente indica qualche scivolone. Per l’occasione, Antonio Ricci ha stravolto un po’ le regole, regalando a tutti i componenti una statuetta diversa dal solito: il muso del tapiro è più allungato e cambiano i colori. “Avete vinto tutto quello che era possibile vincere“, si è complimentato l’inviato del Tg satirico.

Come è stato suonare con i Rolling Stones? Difficile, perché non era il nostro pubblico, ma anche molto bello. Mick Jagger è stato davvero carinissimo“, ha dichiarato Damiano a Valerio Staffelli.

Quanto guadagnano i Maneskin?

Pensando al successo che i Maneskin hanno ottenuto in meno di un anno, dalla vittoria sanremese ad oggi, è normale ipotizzare che i loro guadagni siano alle stelle. Eppure, secondo Trendonline.it, la band riceve “solo una piccola parte degli introiti“. Ad esempio, per ogni disco venduto ricevono tra 1,17 e 1,60 euro, mentre per i download dalle piattaforme digitali tra gli 11 e i 16 centesimi di euro. Considerando che Damiano & Co hanno venduto 150.000 album ed oltre 650.000 singoli, si può ipotizzare che il guadagno complessivo sia di 325mila euro. Pertanto, ogni componente avrebbe intascato circa 81mila euro.

A questa cifra, inoltre, si aggiungono i ricavi che la società Maneskin Empire SRL ottiene dai diritti delle loro canzoni. Nel 2021 sembra che la cifra intascata sia stata di 572mila euro. Infine, ci sono i guadagni che la band ottiene dalle varie ospitate in televisione.

4 curiosità sui Maneskin

-Nei primi periodi della loro formazione, i Maneskin si esibivano anche per le vie di Roma come artisti di strada. “Via del Corso è dove abbiamo iniziato a suonare. Ci andavamo sempre agli inizi del nostro percorso, con le monete abbiamo messo insieme i soldi per il nostro primo singolo. Quella voglia di suonare e di condividere la nostra musica ora come allora è rimasta sempre la stessa“, ha dichiarato Damiano.

-È stata Victoria ad ispirare il nome Maneskin, che viene dal danese – lingua di sua madre – e significa chiaro di luna.

-Nel mese di maggio del 2021, Damiano David e Victoria De Angelis hanno doppiato due personaggi della versione italiana del film Crudelia.

-Ad agosto del 2021 è uscito un nuovo video del singolo I Wanna Be Your Slave che vede la partecipazione del cantante americano Iggy Pop.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 16-12-2021


Chi è Carlo Calvi: dagli esordi nel ramo banking alla leadership nel settore auto

Chi è Aurelio Pagani, dagli esordi nella logistica all’ingresso nel management del Gruppo Intergea