Qualche consiglio per scegliere la migliore business school e diventare competitivi sul mercato del lavoro dopo la laurea.

Il numero di studenti che ottengono un titolo universitario aumenta ogni anno e i percorsi legati al business, in tutte le sue declinazioni, diventano sempre più popolari e seguiti. Anche se studiare economia può aprire un mondo di possibilità per avere successo nel mercato del lavoro globale bisognerà imparare a distinguersi tra la folla di studenti che si laureano ogni anno. Ciò è importante da ricordare quando cercate l’università o la business school giusta per voi. Ecco qualche suggerimento per scegliere quella più adatta alle vostre esigenze.

Laurea e business school
Laurea e business school

4 consigli per scegliere una business school

Scegliere un luogo strategico. Durante gli studi, si ha spesso l’esigenza di esplorare una nuova città e tutto ciò che ha da offrire, ma considerate di avvicinarvi ai mercati in cui vorrete lavorare una volta laureati. Scegliete una città che può aprire opportunità di networking e che dia diverse opportunità: visite nelle aziende che ti interessano, prendere un caffè con gli ex studenti e condurre interviste informative con aziende importanti. Ad esempio, se aspirate a lavorare nel settore tecnologico delle start-up, San Francisco potrebbe essere il posto che fa per voi. Inoltre, con il business che diventa sempre più globale, avere la possibilità di studiare in posti come Shanghai o Dubai aumenterà la pertinenza della tua laurea in economia.

Un curriculum con un approccio pratico. La lamentela numero uno del settore delle business school è la mancanza di competenze trasversali e pratiche che gli studenti sviluppano mentre frequentano l’università. Pertanto, per essere competitivi e pronti per la carriera, è necessario selezionare una business school che dia più di un curriculum tradizionale o teorico. È bene cercare programmi che incoraggino l’esperienza del mondo reale incorporando elementi pratici, come sfide aziendali dal vivo, simulazioni e progetti con i datori di lavoro.

Professori con un vero background aziendale. Uno dei modi migliori per imparare è farsi insegnare da qualcuno che ha avuto esperienza reale ne settore. I professori dovrebbero essere in grado di incarnare ciò che insegnano e offrire più di una semplice esperienza accademica. Sia che già sappiate su quale area di attività vorresti concentrarti (ad es. Marketing, Finanza o Management), dovreste optare per un programma che offra spunti interessanti, in grado di ampliare i vostri orizzonti educativi (ad esempio lingue straniere, discipline umanistiche e sviluppo della leadership).

Molti studenti sognano di diventare imprenditori e di essere un giorno fondatori della propria start-up. Con gli strumenti giusti e il tutoraggio della tua scuola, tali aspirazioni possono essere raggiunte durante gli anni di formazione.

Accreditamento e valutazione del proprio programma. Esaminare le storie di successo vi fornirà una buona visione di come la scuola e i propri programmi preparano gli studenti per un futuro promettente. Testimonianze, statistiche sull’inserimento lavorativo e chi sono alcune delle migliori società di assunzione sono solo alcuni esempi degli indicatori a cui prestare attenzione. Cercate di capire anche quali risorse sono messe a disposizione degli ex studenti. Che si tratti di iniziative per mantenere la rete che si è costruita all’università o di classi esclusive per ex studenti, questi sono fattori da considerare in quanto aumentano il valore di una laurea.

Laureata che lavora
Laureata che lavora

Anche se non si tratta solo di classifiche, un ultimo consiglio: prestate attenzione a come viene accreditato il vostro diploma di laurea: è particolarmente importante per garantire la qualità e il rigore dell’istruzione. Inoltre, esaminare il giusto tipo di accreditamento garantirà che la tua laurea sia adeguatamente riconosciuta nel proprio paese d’origine.

ultimo aggiornamento: 03-08-2021


Imposta di registro per cedolare secca: bisogna pagarla o no?

Costo passaporto: come richiederlo, dove farlo e il tempo richiesto