La tabella delle aliquote IRPEF è utilissima per prevedere a quanto ammonteranno le tasse da pagare. Ecco gli scaglioni IRPEF del 2021.

Capire quali sono le tasse da pagare, specialmente in una fiscalità impervia come quella italiana, non è sempre facile. Per fortuna possiamo ricorrere a una tabella di aliquote IRPEF che costituisce un buon punto di partenza, almeno per avere un’idea a grandi linee degli importi dovuti.

La tabella in questione sono degli schemi che mostrano le percentuali progressive dell’imposta sul reddito delle persone fisiche. Questo semplice strumento mostra in maniera chiara e diretta gli scaglioni in cui si divide la tassazione dell’IRPEF.

calcolatrice Canon
fonte foto: https://unsplash.com/photos/djb1whucfBY

Perché è necessaria una tabella per spiegare quanto è necessario pagare di IRPEF?

Perché l’IRPEF è un’ imposta sul reddito di tipo progressivo, ovvero che aumenta più che proporzionalmente rispetto all’incremento del reddito, cercando di rispettare i principi costituzionali della capacità contributiva e della progressività.

Il contribuente, in sostanza, deve versare attraverso l’IRPEF tasse in base alle fasce IRPEF, il cui nome tecnico è appunto scaglioni, in cui rientra.

Inoltre bisogna ricordare che quando una persona passa allo scaglione successivo, pagherà le tasse maggiori esclusivamente sull’eccedenza, e non sull’intero reddito. Ma vediamo meglio dopo aver visto la tabella con gli scaglioni IRPEF per il 2021.

Come sono strutturate le tabelle aliquote IRPEF?

calcolatrice matita calcoli tasse
fonte foto: https://unsplash.com/photos/h2aDKwigQeA

La tabella con le aliquote IRPEF è strutturata in modo che, da sinistra verso destra, sia possibile capire lo scaglione a cui si appartiene, l’aliquota corrispondente e l’imposta dovuta in base al reddito nello stesso anno.

Nello specifico, nel 2021, la tabella aliquote IRPEF si presenta in questo modo:

Tabella aliquote irpef 2021
Tabella aliquote irpef 2021

Andando più nello specifico il primo degli scaglioni IRPEF prevede una tassazione pari al 23%.
Su un reddito complessivo di 15000 euro dovremo pagare allo stato 3450 euro.

Il secondo scaglione prevede invece una tassazione pari al 27% per chi ha un reddito complessivo tra i 15001 ed i 28000 euro.
Quindi pagheremo 3450 euro più il 27% del reddito che dichiariamo sopra i 15000 euro.

Il terzo scaglione prevede una tassazione pari al 38% per chi ha un reddito complessivo tra i 28001 e i 55000 euro.
Quindi pagheremo 6960 euro più il 38% del reddito che dichiariamo sopra i 28000 euro.

Il quarto scaglione prevede una tassazione pari al 41% per chi ha un reddito complessivo tra i 55001 ed i 75000 euro.
Quindi pagheremo 17220 euro più il 41% del reddito che dichiariamo sopra i 55000 euro.

Il quinto e ultimo scaglione prevede una tassazione pari al 43% per chi ha un reddito complessivo che supera i 75000 euro.
Quindi pagheremo 25420 euro più il 43% di ciò che dichiariamo sopra i 75.000 euro.

Se vogliamo approfondire con i casi particolari, possiamo consultare la pagina dedicata sul sito di Agenzia delle Entrate.

Fonte foto copertina: https://unsplash.com/photos/tQQ4BwN_UFs


La dimissione on line: come funziona e come si invia

INPS On line servizi al cittadino: cosa sono