Che cosa sono i gas serra, come sono prodotti e in che modo agiscono nell’ambiente in cui vengono rilasciati.

I gas serra sono presenti nell’atmosfera terrestre che intrappolano il calore. Lasciano passare la luce solare attraverso l’atmosfera, ma impediscono al calore – che la luce solare produce – di lasciare l’atmosfera. Ecco cosa sono e cosa provocano all’ambiente in cui agiscono.

Che cosa è il gas serra

Dietro i fenomeni del riscaldamento globale e del cambiamento climatico c’è l’aumento dei gas serra nella nostra atmosfera. Si tratta di un composto gassoso nell’atmosfera in grado di assorbire la radiazione infrarossa, intrappolando e trattenendo così il calore nell’atmosfera. Aumentando il calore nell’atmosfera, sono responsabili dell’effetto serra, che – alla fine – conduce al riscaldamento globale.

I più conosciuti sono l’anidride carbonica (CO2), il metano e il protossido di azoto: si trovano naturalmente a basse concentrazioni nell’atmosfera. Tuttavia, la proporzione è aumentata in modo significativo dall’inizio del secolo scorso a causa di varie fonti artificiali.

Emissioni di Co2
Emissioni di Co2

Oltre a questi, il vapore acqueo è – probabilmente – quello più importante. Tuttavia, svolge un ruolo importante solo in relazione all’effetto serra naturale, poiché la capacità di assorbimento del vapore acqueo nell’aria è direttamente correlata alla temperatura. Il vapore acqueo ha quindi poca influenza sui cambiamenti climatici causati dall’uomo.

Cosa sono i gas serra e cosa provocano

La concentrazione influenza la temperatura terrestre, ma anche le fluttuazioni di temperatura causate da fattori climatici naturali che, a loro volta, alterano queste concentrazioni. Negli ultimi 800.000 anni sono state accertate concentrazioni di CO2 comprese tra 180 e 300 ppm (parti per milione) da campioni di ghiaccio artico e campioni di sedimenti. Di seguito, i principali gas serra.

  • Anidride carbonica (CO2)

La CO2 viene rilasciata attraverso processi naturali, come le eruzioni vulcaniche, la respirazione delle piante, degli animali e dell’uomo. Ma la concentrazione atmosferica di CO2 è aumentata del 47% dall’inizio della rivoluzione industriale, iniziata nel 1800, a causa di attività umane come la combustione di combustibili fossili e la deforestazione su larga scala. A causa della sua abbondante presenza, la CO2 è il principale fattore che contribuisce al cambiamento climatico.

Anidride carbonica
Anidride carbonica
  • Metano

È prodotto naturalmente attraverso la decomposizione. Ancora una volta, però, l’attività umana ha destabilizzato l’equilibrio naturale. Grandi quantità di metano vengono rilasciate dall’allevamento di bovini, dalle discariche di rifiuti, dalla coltivazione del riso e dalla tradizionale produzione di petrolio e gas.

  • Ossido nitroso

Il protossido di azoto viene prodotto attraverso l’uso- su larga scala – di fertilizzanti commerciali e organici, la combustione di combustibili fossili, la produzione di acido nitrico e la combustione di biomassa.

  • Vapore acqueo

Il vapore acqueo è quello più presente. Aumenta con il riscaldamento dell’atmosfera terrestre ma, a differenza della CO2 – che può rimanere nell’atmosfera terrestre per secoli – esso persiste per alcuni giorni.

Perché si chiamano gas serra

Essi possono intrappolare il calore. Prendono il nome dalle serre. Una serra è piena di finestre che lasciano entrare la luce del sole, la quale crea calore. Il grande trucco di una serra è che non lascia fuoriuscire quel calore.

Lasciano passare la luce solare attraverso l’atmosfera, ma impediscono al calore – che la luce solare produce – di lasciare l’atmosfera. Nel complesso, hanno anche un lato positivo: d’altronde, senza di essi, il nostro pianeta sarebbe troppo freddo e la vita come la conosciamo non esisterebbe.

Come viene prodotto il gas serra

Le principali fonti di emissioni di gas serra nel mondo sono le seguenti:

Centrale
Centrale
  • Produzione di elettricità: genera la quota maggiore di emissioni. Circa il 67 per cento della nostra elettricità proviene dalla combustione di combustibili fossili, principalmente carbone e gas naturale;
  • Trasporti: le emissioni di gas serra dei trasporti provengono principalmente dalla combustione di combustibili fossili di automobili, camion, navi, treni e aerei. Oltre il 90% del carburante utilizzato per i trasporti è a base di petrolio, che include benzina e diesel;
  • Industria: le emissioni di gas serra dell’industria provengono principalmente dalla combustione di combustibili fossili per produrre energia, nonché dalle emissioni di gas serra da alcune reazioni chimiche necessarie per produrre beni dalle materie prime;
  • Commerciale e residenziale: le emissioni di gas serra di aziende e abitazioni derivano principalmente da combustibili fossili bruciati per il riscaldamento, dall’uso di determinati prodotti che contengono gas serra e dalla gestione dei rifiuti;
  • Agricoltura: le emissioni di gas serra dell’agricoltura provengono da bestiame di mucche, terreni agricoli e produzione di riso;
  • Uso del suolo e silvicoltura: le aree terrestri possono fungere da pozzo (assorbendo CO2 dall’atmosfera) o da fonte di emissioni di gas serra.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 12-05-2022


Come proteggere i propri dati bancari: le 12 regole della Polizia

Cos’è l’energia marina e come funziona