Tra tradizioni intoccabili e innovativi progetti futuristici, le cose da vedere in Qatar riescono a stupire i turisti, tra musei, mercati e paesaggi.

Sono 5 le destinazioni che durante un viaggio in Qatar non si possono assolutamente perdere. Si tratta del Souq Waqif e Ras Abrouq, poi I Musei di Doha e La Corniche, infine la Inland Sea. Questo Emirato riesce a mixare perfettamente l’antico e il moderno mantenendo in equilibrio la conservazione del passato, con le sue tradizioni, e lo sguardo al futuro che vede strutture di grande modernità. Nonostante sia una delle nazioni più piccole del Golfo Persico il suo PIL pro capite è di 100.899 dollari: si tratta dunque di uno dei Paesi più ricchi del mondo.

Le mete più caratteristiche del Qatar

Se si parte verso questa destinazione occorre fare un salto al Souq Waqif, costruito dove un tempo sorgeva l’antico mercato di Doha, sulle rive del Wadi Musheureb. Sebbene questo luogo abbia conservato i suoi tratti antichi, con i colori, i profumi e i rumori, ad oggi è circondato da strutture verticali. Tutt’oggi questo mercato è un punto di ritrovo importante per la comunità. Qui si possono trovare cibi tipici come gnocchi dolci, stufati di carne e samosa, vestiti e molto altro.

Un’altra imperdibile tappa è Ras Abrouq, un punto nella regione occidentale dall’aspetto inusuale, con rocce calcaree e un terreno che, grazie al vento, è stato scolpito. Qui ci sono, inoltre, meravigliose spiagge e scogliere. Ci sono, infine, forti militari abbandonati molto suggestivi, con animali selvatici intorno tra cui l’orice arabi, animale simbolo del Paese.

vista notturna citta Doha Qatar
Qatar

Le altre tappe imperdibili

Anche I Musei di Doha meritano una visita, modernissime strutture che racchiudono la tradizione del Paese. Immancabile un giro al Museo dell’Arte Islamica realizzato nel 2008 su un’isola artificiale: ben quattro piani con mostre permanenti e temporanee, oggetti del mondo islamico e una libreria con ben 21.000 libri. Un altro museo interessante è il National Museum (NMoQ), aperto nel 2019, a forma di rosa del deserto. Non può mancare poi un cammino proprio a La Corniche, sette chilometri di passeggiata, ammirando una parte della costa del Golfo Persico, la Doha Tower e il Monumento alla Perla, scultura particolare dedicata alla pesca della perla.

E mentre alcuni campioni del Qatar sono pronti ad indossare una fascia contro le discriminazioni, l’ultima delle 5 tappe è Inland Sea, riserva naturale patrimonio Unesco, anche detta Khor Al Adaid. Si tratta di un mare circondato da dune in cui sono presenti falchi pescatori, dugonghi e tartarughe. Una delle sue caratteristiche è poi il canto della sabbia, il rumore dei granelli delle dune mossi dal vento.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 18-11-2022


Quali sono i pilastri per uno sviluppo sostenibile?

Mini idroelettrico: energia rinnovabile a basso impatto ambientale