A dirlo sono i risultati di una nuova ricerca sulla terapia fotodinamica condotta dalle Università di Pavia e Sassari.

I dati emersi dalla ricerca svolta dalle Università di Pavia e Sassari sono stati pubblicati recentemente dalla rivista Cells. Secondo gli studi la terapia fotodinamica potrebbe fornire nuove strade nella cura dei tumori. I ricercatori hanno dimostrato come sfruttando la terapia in questione, già consolidata da diversi anni, si possono indurre le cellule di un tumore astrocitario umano a nutrirsi di composti terapeutici. I tumori astrocitari ad oggi sono una delle sfide più complesse per migliorare la speranza di vita di pazienti che hanno aspettative di pochi mesi di sopravvivenza.

Cos’è la terapia fotodinamica?

Questa terapia si impiega per sfruttare le proprietà biochimiche di alcuni composti, sia naturali che di sintesi, di emettere energie dopo specifiche stimolazioni energetiche visive che portano, dentro le cellule che inglobano i composti fotosensibili, la produzione di specie reattive dell’ossigeno, molto tossiche per le cellule stesse. I ricercatori dell’Università di Pavia hanno spiegato che tra i tanti fotosensibilizzanti utilizzati da anni nella ricerca il composto di sintesi Rosa bengala dimostra proprietà interessanti spettrali e di autofluorescenza. Inoltre dimostra anche favorevoli caratteristiche terapeutiche oncologiche nei melanomi e nel trattamento delle patologie oftalmologiche, ad esempio i disturbi congiuntivali e palpebrali.

neurologo esame cervello paziente tumore cancro
Medico e paziente

I dati emersi dalla ricerca

Attraverso la ricerca sulla terapia fotodinamica gli studiosi hanno messo in luce un importante punto debole della cellula tumorale, ovvero la sua voracità metabolica. Quest’ultima obbliga la cellula in determinate situazioni a captare dall’esterno molecole e potenziali nutriliti per venire incontro all’aumento del fabbisogno energetico e proliferativo. In questo modo i composti terapeutici potrebbero essere agevolati nel loro ingresso e nella loro funzionalità biochimica. Allo stesso tempo bloccherebbero i meccanismi di detossificazione della cellula tumorale. Le nuove ricerche nella lotta ai tumori dimostrano grandi passi in avanti per i pazienti.

La ricerca è del laboratorio di Oncogenomica Funzionale del Dipartimento di Biologia e Biotecnologie dell’Università di Pavia insieme al Dipartimento di Medicina, Chirurgia e Farmacia dell’Università di Sassari.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 20-09-2022


Tutto quello che c’è da sapere sulle 100 lire del 1837, le monete che valgono una fortuna

Ememem, l’artista di strada che ripara buche e marciapiedi con i mosaici