Il fondatore di Patagonia ha donato l’azienda ad un’organizzazione non profit per investire nel contrasto al cambiamento climatico.

La conosciuta azienda americana Patagonia, specializzata in prodotti di abbigliamento sportivo e per attività all’aria aperta, ha intrapreso un’importante svolta. In suo fondatore, Yvon Chouinard, ha infatti annunciato di aver donato la sua azienda ad un’organizzazione non profit creata da lui stesso, la Holdfast Collection. Quest’ultima è nata con l’intento di investire una parte dei profitti dell’azienda in attività per la lotta al cambiamento climatico.

La nuova vita di Patagonia e lo sguardo al futuro

Nell’annuncio fatto Yvon Chouinard ha spiegato nel dettaglio il suo nuovo progetto e le sue intenzioni. Il fondatore di Patagonia, in particolare, ha trasferito il 98% delle azioni dell’azienda all’organizzazione non profit, mentre il restante 2% delle azioni con diritto di voto è andato ad un’altra associazione, il Patagonia Purpose Trust. Le azioni con diritto di voto sono quelle che, una volta possedute, danno la possibilità di decidere sulle scelte importanti dell’azienda. La decisione di cedere la maggior parte delle azioni ad un’organizzazione non profit che si occuperà di lotta al cambiamento climatico è stata spiegata da Yvon come necessità di combattere la crisi climatica e, allo stesso tempo, proteggere i valori dell’azienda.

escursionista montagna patagonia
Abbigliamento Patagonia

La storia dell’azienda e la scelta del suo fondatore

Mentre i Paesi europei si muovono verso un accordo sul clima anche le aziende cercano di fare la loro parte e dare il buon esempio. Ed è quello che ha fatto Patagonia, fondata nel 1973, che ha un valore di 3 miliardi di dollari e profitti di 100 milioni all’anno. Se fino ad oggi quest’azienda era stata una società privata, con Yvon che deteneva le azioni insieme ad altri componenti della sua famiglia, le cose adesso cambiano. In un’intervista al New York Times il fondatore dell’azienda si è detto speranzoso che questo gesto possa influenzare una nuova forma di capitalismo non basata più su pochi ricchi e molti poveri. Già in passato l’azienda aveva intrapreso dei comportamenti attenti alla causa ambientale come, ad esempio, la produzione dell’abbigliamento solo con materiali che non danneggiassero l’ambiente.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 23-09-2022


Il Ciao diventa e-bike: il ritorno del motorino icona degli anni Ottanta

Calze intelligenti e wireless per ridurre le cadute dei pazienti in ospedale