È valido per tutto il 2022 il bonus bollette da 600 euro del governo Draghi: l’Agenzia delle Entrate ha comunicato alcuni nuovi dettagli.

Il bonus 600 euro era stato emanato dal governo Draghi con il decreto Aiuti bis. In realtà però si tratta di un cosiddetto “fringe benefit”, ovvero una somma di denaro che le aziende possono dare ai propri dipendenti per aiutarli ad ammortizzare i costi delle bollette di luce e gas. Non si tratta ovviamente di un obbligo da parte delle imprese ma qualora l’azienda decidesse di darlo potrà dedurlo interamente dai costi. Il bonus è già in vigore e lo resterà per tutto l’anno 2022.

Chi riguarda il bonus da 600 euro

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una circolare in cui fornisce informazioni circa le modalità di richiesta del bonus, chi può ottenerlo e a chi spetta. Innanzitutto chi lo riceve non paga le tasse perché non rientra nel reddito imponibile. Se invece si supera la soglia dei 600 euro il bonus è sottoposto a tassazione. Il bonus può essere dato solo dalle aziende private.

Valgono anche le utenze intestate al condominio che vengono divise tra i vari condomini e quelle intestate al proprietario di casa ma che, per contratto, vengono pagate in proporzione alla spesa da chi paga l’affitto. Per quanto riguarda le utenze domestiche vengono considerate quelle dei costi del servizio idrico, dell’energia elettrica e del gas naturale. Inoltre possono riguardare immobili a uso abitativo, di proprietà o in affitto, utilizzati dal dipendente, dal coniuge o dai suoi familiari al di là della residenza o il domicilio in questi immobili.

lampadina bolletta luce
Bolletta luce

Come richiedere il bonus

Per richiedere il bonus 600 euro il datore di lavoro deve avere fatture e bollette pagate dal dipendente o una autocertificazione. In quest’ultima chi richiede il bonus attesta di avere tutti i documenti necessari insieme a tutti i dati personali, il numero di utenza e l’importo, la data e la modalità di pagamento. Inoltre bisogna certificare che per quelle bollette non sia già stato richiesto un altro bonus. Non è ancora chiaro cosa succederà al bonus con il nuovo governo guidato da Giorgia Meloni.

L’esecutivo potrebbe decidere di continuarlo con la legge di bilancio, da approvare entro il 31 dicembre, o con il prossimo decreto. Questo bonus, che si aggiunge a quello Enel, se il governo deciderà di non prolungarlo, potrà essere ricevuto fino al 12 gennaio 2023.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 17-11-2022


Giulia Salemi dona tre macchinari all’Ospedale Bambino Gesù. “Rivoluzioniamo la terapia intensiva pediatrica”

Milano, crescono i prezzi delle case: San Siro, con +59%, è il quartiere più richiesto