Il bonus TV e decoder è valido fino al 2022 e consente agli italiani di accedere a prodotti di nuova generazione: cosa fare per richiederlo?

Entro il primo giorno del mese di luglio del 2022 gli italiani dovranno adeguare i propri televisori e decoder con il nuovo digitale, che prevede la frequenza del 5G. Quanti non si attrezzeranno in tempo non avranno più la possibilità di guardare i programmi televisivi che più amano. Il bonus TV e decoder, pertanto, sembra l’occasione giusta per acquistare prodotti di ultima generazione. Cosa fare per accedere all’incentivo? Ci sono dei limiti o delle direttive da rispettare? Scopriamolo insieme.

Bonus TV e decoder: i requisiti

Disponibile fino al 31 dicembre 2022 o all’esaurimento delle risorse stanziate, circa 150 milioni di euro, il bonus TV e decoder è destinato a tutti gli italiani che hanno un reddito annuo inferiore a 20 mila euro.

L’incentivo, fino ad un massimo di 50 euro, può essere utilizzato per l’acquisto di televisori di ultima generazione e decoder. Il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) ha stilato una lista con i prodotti che sono stati valutati “idonei“.

famiglia davanti alla televisione
famiglia davanti alla televisione

Quanti spendono meno o la cifra piena del bonus, quindi, potranno avere un televisore o un decoder in modo del tutto gratuito. Ovviamente, è bene sottolineare che comprare una televisione a questo prezzo è impossibile, per cui l’incentivo può essere impiegato per ottenere uno sconto oppure per l’acquisto del decoder, che ha un prezzo decisamente inferiore.

Inoltre, per le persone con un’invalidità riconosciuta ai sensi della legge 104/92, verrà applicata anche l’IVA agevolata al 4%.

Come richiedere il bonus TV e decoder

Per richiedere il contributo del Governo, i cittadini italiani non devono fare altro che scaricare l’apposito modulo dal sito del MISE. Dopo di che, bisogna recarsi nel negozio dove si intende acquistare il dispositivo e chiedere il bonus direttamente al venditore. A quest’ultimo si dovrà consegnare la domanda correttamente compilata, un documento d’identità e il codice fiscale.

Sarà il negoziante, infatti, che poi chiederà il rimborso al Governo. L’incentivo può essere presentato una sola volta e da un unico componente dello stesso nucleo familiare.

Il bonus TV e decoder è un’opportunità da sfruttare, soprattutto considerando che l’1 luglio 2022 ci sarà il passaggio al nuovo digitale terrestre. Come se non bastasse, pagando con carta di credito, bancomat e app di pagamento si può usufruire del cashback e ottenere un ulteriore rimborso. Infine, se il commerciante ha fatto richiesta si può partecipare anche alla lotteria degli scontrini.

Riproduzione riservata © 2021 - LEO

ultimo aggiornamento: 02-03-2021


Italia non si ferma, l’innovativo piano di sviluppo sostenibile della Fondazione CRT per le PMI

Luoghi del Cuore FAI: i vincitori dell’edizione 2021