Il bonus veicoli sicuri per coprire l’aumento della revisione di auto e moto può essere richiesto (per ora) da chi ha effettuato il controllo tra l’1 novembre e il 31 dicembre 2021: ecco come.

Chi ha effettuato la revisione di auto e moto di proprietà tra l’1 novembre e il 31 dicembre 2021 può richiedere il bonus veicoli sicuri, confermato per il 2022 dal Ministero delle infrastrutture. Il contributo è a favore di tutte quelle persone che in quest’arco di tempo hanno sottoposto il proprio veicolo al controllo di “sicurezza”, aumentato di 9,95 euro dal novembre 2021.

Bonus veicoli sicuri: come effettuare la richiesta

I rimborsi vengono accreditati dalla Motorizzazione civile per compensare l’incremento delle tariffe per le revisioni di autoveicoli (fino a 35 quintali), motoveicoli, ciclomotori e minibus fino a 15 posti. Può farne richiesta il proprietario di un solo mezzo (il bonus non copre più di un veicolo per tutta la durata dell’iniziativa che si concluderà nel 2023) e il rimborso avviene a seguito della verifica della regolarità della richiesta.

I 9,95 euro sono accreditati direttamente sul conto, ma serve l’identità digitale Spid di livello 2. Non è possibile accedere al bonus con Cie e Cns. La piattaforma per richiedere l’agevolazione è attiva dal 3 gennaio scorso. Per la richiesta del contributo non occorre allegare la ricevuta della revisione: sono necessari soltanto i dati richiesti nella procedura online.

La revisione auto in officina
La revisione auto è aumentata: occhio a sfruttare il bonus veicoli sicuri

I possessori di minicar 50cc devono inserire il Cic riportato sulla carta di circolazione e selezionare la categoria Ciclomotore. Per chi ha una minicar con cilindrata superiore a 50cc, è invece necessario inserire la targa e selezionare la categoria Motoveicolo.

In caso di veicolo cointestato, il rimborso deve essere richiesto dal primo cointestatario sulla carta di circolazione. Il rimborso verrà effettuato una volta verificata la veridicità dei dati inseriti e la regolarità della procedura eseguita. È possibile controllare lo stato di avanzamento accedendo alla piattaforma e visualizzando lo stato della richiesta associata alla targa.

Bonus veicoli sicuri per chi ha fatto revisione dall’1 gennaio 2022

Chi ha commesso un errore nell’inserimento dei dati, può eliminare la richiesta entro tre giorni dalla compilazione e richiedere nuovamente il contributo sulla piattaforma per lo stesso o un altro veicolo, salvo disponibilità dei fondi. È utile conservare il numero di pratica o scrivere alla mail bonusveicolisicuri@sogei.it (non da Pec) se si ha bisogno di ulteriore assistenza.

Il bonus è previsto anche per chi ha effettuato la revisione dall’1 gennaio 2022. Il Ministero fa sapere che per i contributi da erogare a chi ha fatto la revisione dopo il 31 dicembre 2021 verrà data conferma con un successivo avviso. Per questi utenti il rimborso potrà essere richiesto a partire dall’1 marzo.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 20-02-2022


Mark Zuckerberg ha svelato come saremo nel Metaverso di Facebook e Instagram

La realtà virtuale prende il sopravvento: aumentano gli incidenti domestici