L’allarme della Cgia: la povertà energetica è drammatica in particolare al Sud, dove tantissime famiglie devono scegliere tra pagare le bollette o fare la spesa.

In Italia ci sono quattro milioni di famiglie in difficoltà che non riescono a pagare le bollette di luce, acqua e gas, schizzate alle stelle con gli aumenti dovuti alla ripresa post-Covid, alle politiche energetiche europee e alla guerra in Ucraina. Lo rivela una ricerca dell’Ufficio studi della Cgia di Mestre che si basa sui dati del rapporto recente stilato dall’Oipe, l’Osservatorio Italiano sulla Povertà Energetica.

Caro bollette, famiglie a rischio povertà, soprattutto al Sud

La relazione della Cgia evidenzia che i nuclei familiari più a rischio sono quelli con un capofamiglia giovane, con un elevato numero di componenti e che abitano in case vecchie e in cattivo stato di conservazione. La povertà energetica è altissima al Sud: la frequenza tocca quote tra il 24 e il 36% in Molise, Basilicata, Calabria, Sicilia e Campania, dove il numero di famiglie in difficoltà raggiunge il picco massimo di 778.712 unità.

Va meglio al Nord, dove la frequenza è bassa (oscilla tra il 6 e il 10%) ma presenta cifre preoccupanti in Lombardia, dove la stima massima di nuclei a rischio arriva a 446.278, più che in Veneto, Lazio, Puglia e Piemonte. Il governo di Mario Draghi ha messo a disposizione cinque agevolazioni per chi ha un Isee basso: l’assegno unico figli, il bonus sociale per le bollette, il bonus nido, il bonus casa per gli under 36 e la carta acquisti.

Un uomo in difficoltà con le bollette
Il rincaro delle bollette sta mettendo a dura prova la tenuta economica delle famiglie italiane

Il bonus sociale per le bollette copre il periodo dall’1 aprile al 31 dicembre 2022 e il tetto Isee è stato esteso da 8mila a 12mila euro. Questo contributo viene riconosciuto in automatico da Arera (l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente) sulla base dei dati condivisi dall’Inps. La carta acquisti accredita 80 euro ogni due mesi per pagare le spese di luce e gas ed è concessa a cittadini dai 65 anni in su o di età inferiore a tre anni che rispettino diversi requisiti, tra cui un Isee in corso di validità inferiore a 7.120,39 euro.

Queste misure, tuttavia, non stanno risolvendo il problema. “Dall’estate scorsa – fanno sapere dall’Associazione artigiani e piccole imprese in una notail governo ha messo a disposizione di famiglie e imprese quasi 20 miliardi di euro contro il caro energia/carburante. Una cifra sicuramente importante, ma ancora insufficiente a mitigare efficacemente i rincari che sono avvenuti in questi ultimi nove mesi”.

Caro bollette, imprese in ginocchio

L’aspetto ancor più grave è che l’aumento spropositato del costo dell’energia rischia di bloccare le piccole e medie imprese. Un esempio arriva da Riccardo Matteini Bresci, responsabile commerciale del Gruppo Colle. L’imprenditore ha denunciato a La Nazione che nel 2022 le bollette del gas dell’azienda arriveranno a 8 milioni di euro: nel 2019, erano state di un milione.

Il costo stimato dell’energia per le imprese nel 2022 ammonta a 37 miliardi di euro: un incremento complessivo del +370% rispetto al 2021, favorito dall’inflazione e dalla crisi delle materie prime. Le drammatiche ricadute sulle famiglie sono evidenti. Impresa, l’associazione nazionale dell’industria e delle Pmi, sta proponendo gruppi d’acquisto per abbattere i costi e tentare di contrattare prezzi calmierati con i fornitori.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 06-04-2022


La Liguria investe sul commercio digitale: un milione in arrivo per l’e-commerce

Bonus gomme auto, arriva l’incentivo del governo per favorire il cambio degli pneumatici