A marzo 2021, Barilla riceverà il Catalyst Award, un riconoscimento che premia l’azienda per le sue politiche di diversità e inclusione.

Il 2021 registra un altro traguardo importante nel percorso di “Diversità e Inclusione” del Gruppo Barilla. L’azienda parmense, nei giorni 17-18 marzo 2021, ritirerà il Catalyst Award, un premio che riguarda i cambiamenti messi in atto, al fine di valorizzazione la leadership femminile nel mondo del lavoro e incrementato l’inclusione di tutti i dipendenti Barilla nel mondo. È la prima azienda italiana a vincere l’importante riconoscimento.

Catalyst premia Barilla per la parità di genere

Il numero di donne in posizioni di leadership a livello globale è aumentato nell’azienda al 38% lo scorso anno (dal 33% nel 2014). Per i risultati raggiunti, l’azienda riceverà un premio, nel mese di marzo del 2021, da parte di Catalyst, un’organizzazione senza scopo di lucro che aiuta le aziende ad aumentare l’inclusione delle donne sul posto di lavoro.

Siamo onorati di essere stati riconosciuti da Catalyst per il nostro impegno globale nel promuovere l’uguaglianza di genere sul posto di lavoro, arricchito dal significativo raggiungimento della Gender Pay Equality in tutto il mondo Barilla“.

Barilla - Parità di genere
Parità di genere

Barilla impiega attualmente più di 8.000 persone in tutto il mondo: le donne rappresentano il 35% della sua forza lavoro. Nel 2018 è diventata la prima azienda italiana a sostenere gli standard di condotta delle Nazioni Unite per combattere la discriminazione LGBTI sul posto di lavoro.

Catalyst è un’organizzazione senza scopo di lucro, fondata nel 1962, che lavora con alcuni dei più potenti amministratori delegati del mondo e con aziende leader al fine di mettere in piedi ambienti di lavoro in cui il talento femminile possa essere sempre più riconosciuto. Da oltre 30 anni assegna i “Catalyst Awards” per premiare le iniziative di aziende che promuovono la carriera femminile, perché il progresso delle donne è il progresso di tutti.

Barilla: gli incentivi alla parità di genere

Barilla, nel 2020, ha incrementato la rappresentanza delle donne nei ruoli esecutivi e ha raggiunto la parità salariale di genere per tutti i dipendenti, al fine di mettere in atto tutti gli sforzi possibili per diventare un luogo di lavoro più inclusivo.

Il gruppo a conduzione familiare lavora su questioni di diversità e inclusione dalla fine del 2013, quando il suo presidente fece un commento contro le famiglie gay durante un’intervista radiofonica, innescando una reazione dei consumatori.

Barilla, che è la più grande azienda produttrice di pasta al mondo e di cui si è molto parlato anche per il bonus da 11 milioni per i suoi dipendenti, ha dichiarato di aver aumentato la rappresentanza femminile nei rapporti diretti con l’amministratore delegato del 28% nel 2020, rispetto all’8% stimato nel 2013.


COVID-19, arrivano le classifiche delle compagnie aree più sicure

Smart working semplificato, la scadenza è vicina: cosa succede dopo?