Nell’estate del 2021, in cui si riparte dopo quattordici durissimi mesi di pandemia, è boom di prenotazioni nelle mete del cicloturismo.

La pedagogista, counselor e tecnica della riabilitazione psichiatrica Mila Brollo racconta la biciterapia come un “viaggio alla ricerca dell’equilibrio”. E non è la sola: nell’estate del 2021, in cui si riparte dopo quattordici durissimi mesi di pandemia, il cicloturismo si sta rivelando la soluzione perfetta per molti viaggiatori che vogliono staccare da lavoro, stress e preoccupazione e ritrovare, almeno per qualche giorno, un pizzico di serenità. Non è certo casuale il boom di prenotazioni per le cosiddette strutture “bike friendly”, mete ideali per i viaggiatori appassionati di natura e due ruote. Sono tantissimi i tandem “albergo + bicicletta” per trascorrere le ferie estive prediligendo la salute e il benessere.

I migliori hotel d’Italia per il cicloturismo in Puglia

Il sito Luxury Bike Hotels fornisce un elenco dettagliato di destinazioni. Se ne contano 15 al Nord, 19 al Centro e purtroppo soltanto una al Sud, nel cuore della Puglia.

È l’Hotel Borgo Egnazia a Savelletri di Fasano nella Valle d’Itria, dove si possono fare delle escursioni su tre sentieri diversi ed è disponibile un accordo per il noleggio di bici di vari modelli.

Trentino

Le location “bike friendly” del Trentino sono tre. Il Piccolo Dolomiti Resort di Andalo offre lo scenario delle Dolomiti di Brenta e della Paganella, percorsi panoramici mozzafiato (oltre 400 chilometri di bike trail) e la possibilità di massaggi e trattamenti rilassanti nella Spa dopo la pedalata.

L’Hoody Active & Happiness Hotel di Arco garantisce percorsi per tutte le gambe, tour nella valle dei Laghi o sull’anello del Garda e attività all’aria aperta per tutta la famiglia.

Il Du Lac et Du Parc Grand Resort a Riva del Garda non è da meno: è l’unico hotel con un centro multisport nella zona del Lago di Garda. È immerso in un Parco meraviglioso e permette il giro del Lago e il tour del sentiero del Ponale.

Alto Adige

Nell’Alto Agide, tra l’Adler Spa Resort nel cuore delle Dolomiti e l’Hotel Montchalet di Ortisei che vanta uno dei principali sentieri ciclo-pedonali della Val Gardena, spicca La Perla, il cuore pulsante del ciclismo dolomitico. La struttura di Corvara piace agli appassionati di bici per la bike room Pinarello e i suoi sentieri, tra cui il Pralongià tra le Dolomiti.

Veneto

Passando in Veneto, Luxury Bike Hotels suggerisce l’Hotel Bellavista Resort & Spa di Montegrotto Terme (perfetto per l’accoppiata terme e bicicletta: offre la più grande area termale d’Europa) e l’Hotel Terme Bristol Buja di Abano Terme, in prossimità dei principali percorsi ciclistici del Parco Regionale dei Colli Euganei.
L’Hotel Cristallo Cortina è però il punto di partenza ideale per godersi la bici in Veneto: è vicino agli itinerari ciclistici più suggestivi della zona e ha la Cristallo Ultimate Spa, la più ampia di Cortina d’Ampezzo.

Liguria

La Liguria schiera l’Aregai Marina Hotel & Residence (dagli itinerari del ciclismo storico sulle tracce della Milano Sanremo alla pista ciclabile della Riviera dei Fiori) e l’Hotel Riviera dei Fiori, a San Lorenzo al Mare, che mette a disposizione degli ospiti un noleggio bici, una bike zone dotata di deposito, un angolo officina e lavaggio bici ed una lava-asciuga per l’abbigliamento tecnico sportivo.

Lombardia

In Lombardia c’è il Parco San Marco sul Lago di Como, dove si può pedalare da soli o con un professionista vincitore della maglia gialla!

Emilia-Romagna

L’Emilia-Romagna per il cicloturismo di eccellenza schiera a Cesenatico, la città natale di Marco Pantani, il Grand Hotel Da Vinci e l’Hotel Lungomare, punto di riferimento sia per professionisti che amatori. A Lago Acquapartita, alle pendici del Monte Comero, c’è invece il Miramonti, un’oasi tra i boschi con cucina sana e tour dell’Appennino tosco-emiliano.

Umbria

Nel cuore dell’Umbria ci sono il Relais Todini, a pochi chilometri da Todi e con escursioni sulla via Amerina, e Borgobrufa, la Spa più grande della Regione nella strategica posizione panoramica di Torgiano.

Marche

Nelle Marche si segnalano Villa Antinori, da dove parte un percorso che conduce alla riserva naturale dell’Abbadia di Fiastra, e Villa Cattani Stuart, una delle dimore storiche più celebri della provincia di Pesaro e Urbino dove un bike manager traccia percorsi specifici per gli ospiti.

Toscana

Chiude la lista la Toscana, che ha il maggior numero di hotel “bike friendly” d’Italia: ben 15 strutture. Ce n’è per tutti i gusti, da Castello Banfi in Val d’Orcia – dove fare un bike tour guidato tra i vigneti del Brunello – all’Argentario Golf Resort & Spa, immerso nella natura tra Porto Ercole e Porto Santo Stefano.

E per chi non ne ha ancora abbastanza, e guarda soprattutto ad un turismo sostenibile per tutte le tasche, c’è sempre la possibilità del Decrescita Felice Bike Tour.


Arrivano anche in Italia le collab house per influencer di Tik Tok

Che cos’è il PNRR, il Piano nazionale di Ripresa e Resilienza dell’UE