Secondo il report di Legambiente, Bolzano è la città più green per gli eccellenti parametri legati all’inquinamento atmosferico: ecco la Top 10 completa.

Bolzano è la città più green in Italia. Lo rivela Ecosistema Urbano 2022, il report di Legambiente realizzato in collaborazione con Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore, sulle performance ambientali di 105 comuni capoluogo con i dati relativi al 2021. Dal sesto posto dello scorso anno, la capitale del Sud Tirolo conquista la vetta della classifica mettendosi alle spalle Trento e Belluno.

Perché Bolzano e la città più green d’Italia

L’analisi ha preso in considerazione 18 indicatori, distribuiti in sei aree tematiche: aria, acque, rifiuti, mobilità, ambiente urbano ed energia. Da questi numeri emerge che Bolzano scavalca Trento, scesa alla seconda posizione, mentre Belluno risale la graduatoria passando dall’ottavo al terzo posto. Cosenza, in quinta posizione, è l’unica città del sud a entrare anche quest’anno nella Top 10.

Il punteggio di Bolzano è di 79,02%. Il capoluogo del Trentino-Alto Adige fa registrare ottimi valori in tutti e tre i parametri legati all’inquinamento atmosferico, tutti entro i limiti di legge. Spiccano in particolare oltre il 66% di raccolta differenziata dei rifiuti, appena il 29,6% di dispersione dell’acqua immessa in rete, i 18,99 metri di piste cicabili ogni 100 abitanti e l’incremento generale degli indici legati al trasporto pubblico. Non va dimenticata l’attenzione alla tavola, come dimostra il locale ospedale.

Una panoramica di Bolzano
Bolzano è la nuova regina green d’Italia

Trento scende al secondo posto perché, pur mantenendo una sufficiente qualità dell’aria, fa registrare una lieve flessione nelle medie relative a NO2 e Pm10. Migliora invece la raccolta differenziata, che passa dall’83,1% della passata edizione all’attuale 83,8%: è il quinto posto assoluto in questo indice. Non è da meno Belluno che conserva un buon livello complessivo nella qualità dell’aria e continua a migliorare la percentuale di rifiuti raccolti in modo differenziato: dall’82,8 all’83,9%.

La maglia nera di Ecosistema Urbano 2022 va a Catania, Palermo e Alessandria: le città siciliane e il capoluogo piemontese si piazzano agli ultimi posti in classifica, rispettivamente 105, 104 e 103. Le metropoli si confermano invece più o meno pulite e sostenibili. Risalgono Venezia (13esima) e Torino (65esima); scendono Milano (38esima), Firenze (43esima posto) e Genova (53esima). Roma, che nel 2021 era in 88esima posizione, quest’anno non ha proprio risposto alle domande del questionario Legambiente.

Ecosistema Urbano 2022: la classifica completa

In generale, il quadro del 2021 preoccupa l’associazione ambientalista. I capoluoghi di provincia sono in affanno nella fase post-pandemica, paralizzati dalle emergenze croniche come l’aumento dello smog e del traffico e l’incremento dei rifiuti prodotti. Il contraltare sono le 16 buone pratiche premiate da Ecosistema Urbano per mobilità sostenibile, verde urbano e percorsi partecipati.

Tra le segnalazioni ci sono la rete interconnessa di Lecce, la pista ciclabile strategica di Agrigento, la “giungla urbana” di Prato, il Parco delle Cave di Brescia e il recupero di alcune aree periferiche ex industriali di Perugia.

Ecco la Top 10 delle città più sostenibili d’Italia per Legambiente:

  1. Bolzano
  2. Trento
  3. Belluno
  4. Reggio Emilia
  5. Cosenza
  6. Treviso
  7. Pordenone
  8. Forlì
  9. La Spezia
  10. Mantova

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 24-11-2022


Pista da sci gratuita al centro di Milano dal 7 al 27 novembre 2022: come prenotare una lezione

La prima della Scala: il 7 dicembre aprirà la stagione il “Boris Godunov”