Si chiama “Addio alle armi” il calendario sociale di Codacons firmato dalla fotografa Tiziana Luxardo per chiedere a gran voce la pace in Ucraina.

Dodici modelle russe e ucraine che gridano insieme il loro no alla guerra e chiedono a gran voce la pace nelle loro terre e in tutto il mondo. Sono le protagoniste del calendario 2023 di Codacons firmato da Tiziana Luxardo, fotografa da sempre impegnata in messaggi sociali, rivolti in particolare alle donne. I dodici scatti compongono una collezione intitolata “Addio alle armi”, con richiamo quanto mai necessario al famoso romanzo di Ernest Hemingway.

Codacons, calendario 2023 per la pace in Ucraina

Dopo campagne e calendari per accedere i riflettori su fenomeni come il bullismo e la ludopatia, la violenza di genere e il caporalato, il Codacons e la fotografa hanno scelto di concentrarsi sulle donne come creatrici e portatrici di pace. Il filo conduttore delle 12 immagini sono proprio i lacci con i colori delle bandiere russa e ucraina che distinguono le modelle e rappresentano i profondi legami storici e culturali che esistono tra le due popolazioni.

Per dimostrare quanto sono forti le loro somiglianze – ha spiegato Luxardo – in una foto ho voluto raffigurare un volto che è l’unione di due facce separate, una ucraina e una russa. L’incredibile effetto che si ottiene è che il viso sembra di un’unica persona”.

Le bandiere di Ucraina e Russia
Modelle russe e ucraine per dire no alla guerra in atto

Quando è iniziato questo conflitto – ha aggiunto la ritrattista – ho avuto lo stesso sentimento di rabbia e di impotenza che avevo negli anni Settanta, quando da giovanissima manifestavo contro la guerra. Allora si parlava del Vietnam, ero una figlia dei fiori, una pacifista per definizione come lo sono oggi. Il mio concetto di fondo è che bisogna creare ponti e buttare giù muri”.

Il progetto “vuole evocare la pace come idea universale che non ha religione, necessaria per poter credere in un domani migliore, dove ci sia speranza, amore, solidarietà e fratellanza e che vede nelle donne le autentiche messaggere di pace”, si legge sul sito del Codacons, dov’è possibili ammirare gli scatti. “Non nascondo che è stato molto difficile cercare di creare delle immagini volutamente surreali estrapolate da contesti reali – ha detto Luxardo –. Era come se fossi su una nuvola e osservassi tutto dall’alto, senza confini, ma solo orizzonti”.

Tiziana Luxardo: Addio alle armi contro la guerra

Proprio nel momento in cui la guerra infuria e si parla di bombe sporche e di arsenali atomici, operatori e operatrici, attivisti e attiviste che da sempre si battono contro ogni conflitto chiedono di aprire alla negoziazione e alla diplomazia. È necessaria una mediazione tra Putin e Zelensky.

A corredo del calendario è stata infatti lanciata la campagna social #Influencerperlapace di Codacons e Associazione Influencer Responsabili. Le due realtà vogliono mobilitare gli influencer chiedendo loro di porre all’attenzione dei follower sul web quanto sta succedendo in Ucraina e di diventare forze di pace.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 10-11-2022


Bison per la rimozione di carbonio: catturerà 5 milioni di tonnellate metriche di CO2 all’anno

Bonus 150 euro: a chi spetta a novembre