Confindustria ingaggia Renzo Rosso e lancia un’iniziativa volta a rilanciare il Made in Italy: il progetto si chiama Brave Italy!

Renzo Rosso è stato scelto da Confindustria per rilanciare il Made in Italy in tutto il mondo. Il progetto si chiama Brave Italy! ed è rivolto ad imprese leader e start up nostrane che abbiano una eccellente propensione all’export, alla sostenibilità ambientale e sociale e agli investimenti in innovazione e ricerca.

Confindutria e Renzo Rosso insieme per Brave Italy!

Brave Italy!, è questo il nome che Confindustria e Renzo Rosso hanno scelto per rilanciare il Made in Italy. Il progetto intende “trasformare la way of life italiana, riconosciuta e ammirata in tutta il mondo, in un modello di vita e di business, connotandola in chiave di modernità, sostenibilità e attenzione al sociale“. Questo è quanto si legge in una nota stampa diffusa da Confindustria.

Un’iniziativa ambiziosa, rivolta ad aziende leader e start up nostrane con una propensione all’export, alla sostenibilità ambientale e sociale e agli investimenti in innovazione e ricerca, ma anche ad imprese di settori e mercati emergenti. Dopo aver radunato le aziende, si intende creare una sorta di spazio dedicato alle idee condivise, dove gli imprenditori e le associazioni potranno far sentire la propria voce.

L’organizzazione presieduta da Carlo Bonomi ha scelto di affidare Brave Italy! a Renzo Rosso, stilista, imprenditore e dirigente sportivo italiano. Stando a quanto sostiene Forbes, l’uomo vanta un patrimonio di circa 3,4 miliardi di dollari ed è proprio grazie a questo che è entrato nella classifica Billionaires 2021.

D’altronde, chi meglio di Rosso che ha esordito nel mondo del lavoro a soli 15 anni per questo progetto? Prendendo in prestito la macchina da cucire di sua madre, lo stilista è riuscito a creare il suo primo capo di abbigliamento: un paio di pantaloni a zampa. Dall’azienda manifatturiera Moltex al brand Diesel il passo è stato breve. Oggi, Rosso, tramite la sua holding Only the Brave, possiede anche Maison Margiela, Viktor & Rolf, Marni e Jil Sander.

Brave Italy!: come funziona?

Confindustria e Rosso accoglieranno tutti coloro che vorranno partecipare a Brave Italy!, a patto che abbiano idee originali e di successo. “In questo momento c’è bisogno di coraggio per affrontare il cambiamento e sapersi reiventare, traendo forza dalle nostre radici e dal saper fare italiano, per coniugare il nostro DNA con le sfide della tecnologia e della sostenibilità“, ha dichiarato Renzo.

Nella nota stampa diffusa da Confindustria, Renzo Rosso ha sottolineato che Brave Italy! dovrà essere un lavoro di squadra. È importante che il bello e il ben fatto nostrano arrivi in ogni angolo del globo, con la speranza di un futuro diverso, pronto ad accogliere nuove generazioni.

Dobbiamo portare avanti un lavoro di squadra per essere insieme ambasciatori nel mondo del modello di unicità che contraddistingue la dolce vita e lo stile italiano. È un progetto ambizioso su cui chiediamo il contributo di tutti coloro che vogliono il meglio per il nostro Paese. Cerchiamo di costruire il futuro insieme“, ha dichiarato Rosso.


Che cos’è il PNRR, il Piano nazionale di Ripresa e Resilienza dell’UE

Jeff Bezos e tutti gli altri miliardari che hanno deciso di andare nello spazio