La DOP economy è riuscita a superare le sfide dell’emergenza sanitaria, grazie ai lavoratori dei comparti di cibo e vino.

Nonostante tutte le difficoltà organizzative ed economiche derivate dalla pandemia, la DOP Economy ha saputo resistere a tutte le avversità trovate sul proprio cammino, garantendo alta qualità di cibi e bevande sulla tavola degli italiani, raggiungendo – nel contempo – 16,6 miliardi di euro di valore alla produzione, secondo i dati del XIX Rapporto Ismea-Qualivita.

Dop Economy in salita anche durante l’emergenza sanitaria

Secondo quanto emerge dal XIX Rapporto Ismea-Qualivita, la DOP economy ha saputo affrontare con grande forza le sfide della pandemia, grazie al lavoro di 200 mila operatori dei comparti di cibo e bevande e ai Consorzi di tutela. La qualità in tavola non è mai mancata e, per quel che concerne i prodotti Dop, Igp e Stg si sono raggiunti i 16,6 miliardi di euro di valore alla produzione.

Formaggio
Formaggio

Nello specifico, 9,3 legati alla produzione di vino, 7,3 al cibo, all’allevamento e all’agricoltura, nonché un export di 9.5 miliardi di euro, equivalente al 20% delle esportazioni nazionali. Pertanto, ci sono state solo leggere ricadute a causa del Covid sul settore.

Buoni valori per l’export

Anche se gli effetti negativi si sono registrati principalmente sui mercati extra-Unione Europea, si è registrato – in compenso – una crescita sul piano continentale. La Germania, gli U.S.A, la Francia e il Regno Unito sono stati i paesi in cui il reparto food ha registrato, in totale, 3,92 miliardi di euro di valore esportato.

Per quel che riguarda, invece, il comparto enologico, si è raggiunta una cifra di 5,6 miliardi di euro. Il rapporto del 2021 – come si può leggere dal sito ufficiale di Ismea-Qualivita, “fotografa la realtà del comparto IG 2020, con i dati produttivi ed economici dei settori Cibo e Vino italiani, i dati economici territoriali, i dati del canale GDO e del settore dei trasformati e infine un’analisi delle azioni dei Consorzi per il rilancio del sistema DOP IGP“.

Pertanto offre una panoramica completa di quello che è accaduto in pandemia e di come l’economia legata ai prodotti di origine controllata abbia attuato i migliori strumenti per far fronte alle problematiche della diffusione del Coronavirus.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 23-02-2022


Achille Lauro è il primo artista italiano ad esibirsi nel Metaverso

Ristori educativi per rimediare ai danni della DAD: a chi spettano e come ottenerli