Cosa sono le truffe sulla falsa beneficienza online, i segnali da tenere in considerazione e come difendersi da queste frodi in rete.

Con l’avvento della tecnologia, le donazioni alle organizzazioni di beneficenza sono diventate più facili che mai. Tuttavia, con tale vantaggio sono aumentati anche i rischi per coloro che vogliono fare del bene. I truffatori, infatti, hanno creato modi per sfruttare la generosità delle persone. In questo articolo, vi forniremo diversi consigli su come proteggersi dalle false associazioni di beneficenza online.

Falsa beneficienza online: aumentano le truffe

Le truffe online di beneficenza false sono un tipo di frode in cui i truffatori creano siti web o pagine di social media per raccogliere fondi per organizzazioni di beneficenza false o inesistenti.

I truffatori possono anche utilizzare un nome simile a quello di un’organizzazione di beneficenza reale per ingannare le persone. Queste truffe sono spesso diffuse attraverso e-mail di spam, annunci sui social media e pubblicità online.

Ragazza con carta di credito e smartphone
Ragazza con carta di credito e smartphone

I truffatori creano siti web o pagine di social media accattivanti che sembrano essere legittimi. Utilizzano immagini e storie di bambini o animali malati per suscitare empatia e convincere le persone a donare.

Spesso, i truffatori chiedono donazioni tramite bonifici bancari o criptovalute, anziché utilizzare metodi di pagamento sicuri come PayPal o carte di credito.

I segnali da considerare

Ci sono alcune cose da tenere a mente quando si effettuano donazioni online per evitare di cadere vittima di una truffa.

Prima di tutto, è importante verificare la validità dell’organizzazione di beneficenza. Se si riceve una richiesta di donazione, è possibile visitare il sito web dell’organizzazione di beneficenza e verificare se la richiesta di donazione è legittima.

Inoltre, è possibile cercare l’organizzazione di beneficenza su siti di recensioni per verificarne la reputazione.

Truffa online
Truffa online

In secondo luogo, è importante prestare attenzione ai metodi di pagamento richiesti. Se l’organizzazione di beneficenza richiede un bonifico bancario o una criptovaluta, meglio evitare di donare. È consigliabile utilizzare metodi di pagamento sicuri come PayPal o carte di credito.

Infine, è importante prestare attenzione ai toni usati dalle organizzazioni di beneficenza. Se si riceve una richiesta di donazione che sembra troppo aggressiva o emotiva, è possibile che si tratti di una truffa.

Cosa fare se si è vittime di una truffa online di beneficenza

Se si è vittime di una truffa online di beneficenza, è importante agire rapidamente. In primo luogo, è necessario contattare la banca o l’istituto di pagamento utilizzati per effettuare la donazione per verificare se è possibile annullare il pagamento.

In secondo luogo, è possibile segnalare la truffa alle autorità competenti. Questo aiuta a prevenire ulteriori truffe e ad arrestare i truffatori.

Infine, è possibile cercare assistenza legale per cercare di recuperare i fondi persi a causa della truffa subita.

Riproduzione riservata © 2023 - LEO

ultimo aggiornamento: 18-07-2023


C’è un Paese che vuole sterminare tutti i topi: il motivo

New York vuole vietare le pizzerie con forni a legna e a carbone