Francesco Monticone è un ingegnere elettronico di Ghemme, in provincia di Novara, e ha vinto lo Young Investigator Award: è tra i cinque migliori ricercatori negli Stati Uniti.

Scienza e ricerca made in Italy sono protagoniste negli Stati Uniti con gli Issnaf Awards 2021. Ogni anno l’Italian Scientists and Scholars in North America assegna i premi ai migliori giovani ricercatori italiani attivi in laboratori, università e centri di ricerca nordamericani. Tra i cinque premiati, spicca Francesco Monticone, il vincitore del Franco Strazzabosco Award, il riconoscimento attribuito al coraggio imprenditoriale degli ingegneri che si sforzano di applicare le scoperte scientifiche a vantaggio del pubblico.

Francesco Monticone a Cornell per la ricerca sui fotoni

Monticone ha 35 anni, è cresciuto a Ghemme, nel Novarese, e si è laureato in Ingegneria elettronica al Politecnico di Torino. Dopo un’esperienza di studio in Australia, ha svolto il dottorato di ricerca insieme al professore Andrea Alù alla University of Texas di Austin. Oggi è professore al Department of Electrical and Computer Engineering della Cornell University di Ithaca, dove studia le interazioni tra luce e materia.

Ho sempre cercato di capire come funzionano le cose che ci circondano – racconta a La Stampa e come si può andare oltre a quello che è il loro classico utilizzo”. Nel suo caso, i fotoni e i metamateriali, quei materiali che in natura non esistono ma l’avvento delle nanotecnologie ha reso possibile creare.

Un giovane ricercatore a lavoro
Monticone cervello in fuga? No, ambasciatore dell’Italia

Il nostro lavoro, teorico e sperimentale – spiega Monticone –, mira ad espandere le capacità dei metamateriali di assorbire, emettere, trasmettere, o rifrangere le onde elettromagnetiche e i fotoni, capendone i limiti fondamentali e come raggiungerli”. Di metamateriali si parla ancora poco ma negli ultimi tempi stanno diventando famosi.

Alcuni metamateriali sono capaci di deviare le onde elettromagnetiche e meccaniche e permettono una protezione anti-sismica delle abitazioni. Altre applicazioni, tutte da esplorare, sono nel campo dell’acustica, in particolare per l’insonorizzazione degli ambienti e degli edifici.

Issnaf Awards 2021: i cinque ricercatori premiati

Monticone è uno dei tanti ricercatori italiani che se ne occupano in laboratori stranieri. Il lavoro sui fotoni apre le porte a innumerevoli possibilità, dalle celle solari ad alta efficienza energetica all’accelerazione delle reti neurali, passando per il potenziamento dei sistemi di comunicazione attraverso il controllo dei flussi di onde elettromagnetiche.

Non sono un cervello in fuga – ci tiene a precisare Francesco – ma un ambasciatore dell’Italia”. Come lui, i quattro colleghi premiati con gli Issnaf Awards 2021. Il milanese Matteo Muratori, Chief Analyst al National Renewable Energy Lab; il romano Daniele Simoneschi, assistente professore alla New York University Grossman School of Medicine; il foggiano Ferdinando Fioretto e la modenese Giulia Riccò, titolari di cattedre alla Syracuse University e Michigan University. Nella speranza che l’appello del Nobel Parisi al governo italiano per più finanziamenti alla ricerca non rimanga inascoltato.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 22-12-2021


Qantas annuncia il primo volo diretto Italia-Australia: il decollo da giugno 2022

Cosa fare se si entra in contatto con un positivo? Ecco le regole da rispettare