Lo rivelano i dati forniti da Gfk: grazie alla trasformazione digitale, la crescita dell’hi-tech in Italia è dell’8,4% pari a 6 miliardi di euro.

Il presente e il futuro dell’Italia è sempre più nel segno dell’hi-tech. Secondo le ultime stime del Panel Consumatori fornite dalla società di analisi GfK, il fatturato dell’intero settore dell’alta tecnologia (internet, telefonia, elettrodomestici, gaming) ha raggiunto nei primi nove mesi del 2021 la quota impressionante di 6,1 miliardi di euro. L’incremento rispetto al 2020, segnato dai mesi di lockdown domestico, è notevole: +8,4%.

L’hi tech sbanca in Italia: boom di domanda

La domanda e la vendita di dispositivi tecnologici in tutta Italia continuerà a segnare dati in rialzo. Stando alla ricerca di GfK, i numeri dei primi due trimestri del 2021 sarebbero potuti essere anche più alti. Ad invertire la tendenza nel terzo trimestre è stato l’acuirsi della crisi dei chip. La carenza di processori e semiconduttori seguita alla pandemia ha infatti rallentato la produzione di device in tutto il mondo.

Gli analisti di GfK spiegato che i dati lusinghieri dell’hi-tech dipendono dal processo di trasformazione digitale in corso nel nostro Paese. La digital transformation sta cambiando i paradigmi tradizionali dei cittadini e delle imprese e quindi incrementa il consumo di “frontier technology”. Hanno rafforzato l’espansione dell’hi-tech il lavoro da remoto e la didattica a distanza svolti durante i periodi di chiusura per l’emergenza sanitaria.

Una ragazza utilizza uno smartphone
La domanda di smartphone cresce al +11,1%

I dispositivi hi-tech più richiesti e comprati dai consumatori sono i monitor e tutte le componenti hardware, rispettivamente al +31,7% e +23,7%. Seguono gli elettrodomestici e i computer portatili, al +19% e +14,5%. Hanno una minor crescita, ma comunque con segno positivo, gli smartphone e i telefoni cellulari al +11,1%.

Complice l’arrivo del nuovo digitale terrestre, lo switch-off imminente e gli incentivi varati per sostenere il cambio di apparecchio, l’andamento è positivo anche per i televisori: +12,7. La domanda relativa ai canali business cresce in media del +6,7%, sostenuta dalla forte richiesta di computer: +8,2.

Hi tech business: trend negativo per un solo settore

Le aziende che acquistano monitor e schermi Led per il digital signage fanno schizzare le vendite al +31,1%. Nel settore impresa, va forte pure la componentistica hardware: +23,7.

L’unico segmento che mostra un andamento negativo è quello dei servizi (-6,5%), il meno rilevante in quanto a fatturato sviluppato. Ormai riparazioni e consulenze personalizzate sono affidate soprattutto al personale interno o al fai da te.

Riproduzione riservata © 2021 - LEO

ultimo aggiornamento: 10-11-2021


Dalla polizza assicurativa alla precedenza: le nuove regole sugli sci dal 2022

Gordon Ramsay annuncia il lancio della collezione di vini italiani