Un assistente digitale che monitora i prodotti in scadenza e le perdite economiche dovute allo spreco alimentare: è l’app progettata da una startup torinese.

Lo spreco di cibo è uno dei principali responsabili per il consumo di acqua, l’inquinamento di plastica usata per gli imballaggi e le emissioni di CO2 nell’aria. Per combattere questo fenomeno è nata iThanks, un’innovativa startup italiana che aiuta gli esercenti nella sfida per la sostenibilità. Il progetto, nato a Torino, si propone di risolvere il problema alla radice: con un controllo automatico a monte delle scadenze alimentari.

iThanks, startup italiana contro lo spreco

iThanks è un assistente digitale che automatizza il controllo e la gestione dei prodotti in scadenza nei negozi e nei supermercati, nelle drogherie e nei corner store. Ma può essere implementato pure nelle farmacie, negli ospedali e nei negozi di cibo per animali. La startup calcola che in tre mesi, iThanks può limitare quasi il 50% degli sprechi alimentari.

L’app avvisa il personale quando un prodotto è in scadenza e segnala in quale reparto si trova. L’esercente visualizza in tempo reale da smartphone, computer o tablet la notifica con l’andamento degli alimenti, di una specifica categoria merceologica, di un reparto o dell’intero negozio. In questo modo, il tempo per il controllo scadenze che di solito avviene manualmente due o tre volte a settimana viene sensibilmente ridotto.

Spreco alimentare e compostaggio
Addio allo spreco alimentare con l’assistente digitale iThanks

L’assistente digitale permette di elaborare automaticamente i dati per migliorare la produttività e le performance dell’attività. Questi analytics ecologici – che fino ad ora erano quasi impossibili da ottenere – calcolano con esattezza l’impronta sostenibile e idrica di un negozio, un supermercato o una catena.

Ma assieme alla lotta allo spreco alimentare, iThanks si impegna anche a ridurre le svalorizzazioni, il tempo di lavoro e le perdite economiche. Gli analytics identificano quali prodotti generano più perdite: confrontando questi dati, gli esercenti riescono a ridurre l’impegno e la fatica dei dipendenti e migliorare le performance.

iThanks, app avvia importanti collaborazioni

Dietro iThanks c’è il torinese Marco Cartolano, ex direttore di supermercato con oltre 15 anni di esperienza nel settore. Il progetto è stato valutato come migliore startup innovativa italiana per Atena STB e idoneo al progetto InnoventureLab (PoliTO, PoliMI e Bocconi).

Oltre che collaborare con Torino Social Impact e con una multinazionale del settore, iThanks ha in corso una bozza di collaborazione con il Pollenzo Food Lab dell’Università di Scienze Gastronomiche di Bra. L’ateneo vuole stringere una partnership per i benefici e l’innovazione che l’app può apportare nel settore e per i dati che riesce a restituire.

Riproduzione riservata © 2024 - LEO

ultimo aggiornamento: 18-10-2023


Eni ha scoperto un bacino da 140 miliardi di metri cubi di gas in Indonesia

Kimap, l’app tutta italiana che aiuta le persone disabili a muoversi in città