Milano apre le porte alla Digital Week: dal 10 al 14 novembre il tema della quinta edizione è “Lo sviluppo dei limiti”.

Il tema di quest’anno è “Lo sviluppo dei limiti”: al via la quinta edizione della Milano Digital Week, evento dedicato a educazione, cultura e innovazione digitale, promosso dal Comune di Milano e co-sponsorizzato da IAB Italia, Cariplo Factory e Hublab con le principali collaborazioni Supporto dal partner Intesa Sanpaolo. Più di 400 eventi sono aperti alla città fino a lunedì 14 novembre. Il tema di quest’anno è “Lo sviluppo dei limiti”.

Milano Digital Week: il programma di giovedì 10 novembre

Presentazioni dal Manifesto del Consiglio per l’Innovazione Tecnologica e la Trasformazione Digitale

A partire dall’11 a Palazzo Marino, un momento di riflessione sul ruolo del digitale e sullo sviluppo illimitato di una città e di un pianeta condivisi. Successivamente, verrà illustrato il progetto Cyber​​​​Secure City, che fornirà informazioni tecniche sugli attacchi informatici e condividerà specifiche patch di sicurezza con l’obiettivo di fornire alle aziende prevenzione e difesa, oltre che a sessioni informative e formative per tutti. Il pomeriggio sarà invece dedicato al tema degli Open Data del Comune di Milano, un patrimonio di informazioni online accessibile e fruibile da tutti che stanno alla base della strategia di Palazzo Marino per l’open government, nonché dello sviluppo di applicazioni e informazioni sui servizi digitali.

Oggi il mondo dell’informazione prospera grazie alla visibilità sui social network, che porta traffico e fatturato. Ma sui social dominano algoritmi che spesso non riescono a distinguere tra buone notizie, fake news e titoli clamorosi. Come si può quindi superare i limiti degli algoritmi? Ne parlano i dirigenti dei giornali che hanno fatto fortuna con i media digitali: Il Fatto Quotidiano con Vincent Russo, Wired con Luca Zurloni, Open con David Puente e Will Media. 15:00 – Central Copernicus NFT.

L’oggetto digitale più specifico di Metaverse: gli NFT

Tra le tante novità legate a Metaverse, l’NFT (Non Fungible Token) è un oggetto tecnico sempre più importante nel rapporto tra brand sportivi e utenti. Questo workshop illustrerà il potenziale delle NFT nelle relazioni con gli appassionati di sport e gli appassionati del marchio. Partendo da alcune case, si parlerà delle potenzialità e dei limiti giuridici delle NFT. 16:30 – Pontificia Università del Sacro Cuore di Milano

Rafforzare la città: Pratica digitale della cittadinanza attiva

Grazie all’influenza delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, Milano sta diventando sempre più una città interconnessa, offrendo possibili scenari innovativi alle amministrazioni locali per integrare formazione, ricerca e sviluppo per ampliare la partecipazione pubblica e fornire nuovi servizi ai cittadini. Relatori Patrizia Moschella – Responsabile Grafica e Comunicazione NABA, Fabio Pelagalli – Responsabile Corsi NABA in User Experience Design, Paolo Atzori – Interaction Designer, Docente NABA, Guido Arnone, Autorità Tecnica e Innovazione Digitale del Comune di Milano , Natale Carapellese, Presidente Municipalio 5, Mattia Cugini, Deputato Urbanistica, Edilizia, Demanio e Spazi Pubblici, Verde, Arredo Urbano, Ambiente, Mobilità – Municipio 5. Dalle 17:00 Convegno in Piazza Adriano Olivetti a cura di NABA – Nuova Art Institute, in partnership con Fastweb.

Casa emergency

Dalle18.30 Casa emergency apre le porte ai cittadini per un tour virtuale dell’ospedale pediatrico costruito in Uganda da Renzo Piano. Ospedale innovativo ed ecologico nato dall’amicizia tra un architetto di fama internazionale e il fondatore di Emergency Gino Strada. Guido Geminiano, amministratore delegato dell’agenzia Impersive che realizza infrastrutture multimediali, racconta il progetto.

Being Human

Alla Galleria Epipla con WalkWays, una video installazione/progetto NFT a cura di Bruna Rotunno. Il progetto nasce durante la pandemia a Milano nel 2020. L’assenza dell’uomo nel paesaggio metropolitano rende visibili nelle finestre paesaggi video di elementi naturali, offrendoci la possibilità di acquisire consapevolezza, camminando ancora nella matrice originaria e rimanendo ad essa connessi attraverso questi passaggi visionari ma altrettanto reali.

Bookcity Milano Papers

La Milan Digital Week, inoltre, co-produce e promuove Bookcity Milano proponendo un palinsesto di confronto digitale (a partire dal 9 novembre, tutti i giorni fino al 15 novembre) in collaborazione con autori internazionali su vari aspetti del cosiddetto blending. Il progetto The Papers vive come chiave tematica all’osservazione della complessità e dell’ambiguità attuali. Pamela Paul è giornalista e scrittrice. Editore del New York Times Book Review e editorialista del New York Times, ha collaborato con Time e The Economist. Le sue pubblicazioni includono My Life with Bob (2018), How to Raise a Reader (2019), Porn (2021) e il libro per bambini Rectangular Time (2021).

Massimo Popolizio: il rapporto sui limiti dello sviluppo, 50 anni dopo

Massimo Popolizio – noto attore teatrale italiano – invita a teatro tutta la città. L’attore interpreta il testo dello studio del MIT del 1972 “The Limits of Development”, condotto da un gruppo di giovani scienziati del Massachusetts Institute of Technology di Boston su progetto del Club di Roma. Il rapporto dichiara difficile la condizione umana e avverte che in un mondo finito è impossibile una crescita illimitata. Appuntamento all’Aula Magna, Pontificia Università Cattolica di Milano alle ore 19:00.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 10-11-2022


Bosch e il suo “altro Rinascimento” in mostra per la prima volta a Milano

Plastic tax e sugar tax: il governo verso l’abolizione