Sono stati mappati circa 2500 km di Milano con il fine di rendere la città più accessibile, funzionale e intelligente.

All’incirca 2.500 km dell’area metropolitana milanese sono stati mappati con tecniche all’avanguardia, per attuare una pianificazione urbanistica intelligente e valorizzare gli spazi pubblici completi di rilievi aerei e territoriali. Il tutto per ottimizzare infrastrutture, servizi per i cittadini e migliorare il rapporto tra utenti della città e il Comune. È questo il cuore della campagna di indagine del Comune di Milano, partita grazie al cofinanziamento dei fondi PON Metro (Programmi Operativi Nazionali per le Città Metropolitane).

Il progetto della Milano virtuale

Vista panoramica di Milano in estate dall'alto
Vista panoramica di Milano in estate dall’alto

Questo progetto consentirà la creazione, la verifica e l’aggiornamento dei ‘geodatabase‘ che costituiscono il patrimonio informativo dell’Amministrazione. I dati saranno messi a disposizione dei comuni della vasta area per attuare una pianificazione urbanistica intelligente e valorizzare gli spazi pubblici. Cyclomedia, leader nella digitalizzazione degli spazi esterni, ha acquisito una fotografia dettagliata e precisa della città, comprendente circa 1,2 milioni di oggetti urbani come pali della luce, segnaletica verticale e orizzontale.

L’azienda, come spiega il Comune in una nota, ha impiegato venticinque giorni per mappare ogni singola strada. Ha percorso le strade di ogni quartiere (compresi Citylife e l’area Expo mai incluse nei rilievi) utilizzando tre veicoli dotati di telecamera, e ha raccolto milioni di immagini a 360 gradi attraverso sensori di mappatura mobile accurati e moderni.

L’obbiettivo del progetto

Layla Pavone è coordinatrice dell’Assessorato all’Innovazione Tecnologica e Trasformazione Digitale del Comune di Milano. Afferma: “Questo progetto dimostra come l’innovazione digitale e la tecnologia avanzata possano guidare trasformazioni decisive, oltre che affascinanti, per una migliore governance delle città. Grazie a questa vasta campagna di indagini, che per la prima volta ha oltrepassato i confini della città di Milano, l’Amministrazione si è dotata di uno straordinario patrimonio informativo che sarà messo a disposizione dei comuni della città metropolitana. Potrà evolversi fino a diventare un vero gemello digitale. Un progresso tecnologico dalle enormi potenzialità sui servizi offerti ai cittadini, in termini di sostenibilità, efficienza e sicurezza”.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 14-11-2022


Noleggiare arredi di casa per ridurre gli sprechi: la nuova frontiera della sostenibilità

Iacobus, la birra prodotta da frati e ragazzi disabili per integrare e salvare opere d’arte