Ogni anno i mozziconi di sigarette invadono le spiagge e le strade, ma grazie ad un progetto di riciclo si possono trasformare.

Quante volte si arriva in spiaggia e, una volta seduti sulla sabbia, ci si ritrova circondati dai mozziconi di sigarette abbandonati. La stessa cosa, inoltre, si verifica anche lungo i marciapiedi e un po’ ovunque in città. Purtroppo nonostante i numerosi avvisi delle amministrazioni e gli appelli degli ambientalisti una parte di cittadini continua a praticare questa abitudine scorretta che va a danno sia del decoro dei luoghi che della salute dell’ambiente. In giro per il mondo però sono diversi i progetti che, proprio a partire dai mozziconi, realizzano vere e proprie opere d’arte, giocattoli, vestiti, oggetti per la casa e molto altro.

Ecco alcuni dei progetti realizzati in tutto il mondo

E’ di Tel Aviv, in Israele, uno dei progetti di riciclo più interessanti. Tutto parte dai ragazzi di Clean The Butts, che significa “pulisci i mozziconi”. Si tratta di un’associazione che si dà appuntamento vicino al mare della città per raccogliere i mozziconi abbandonati e trasformarli poi in vere e proprie sculture. I più creativi, inoltre, hanno prodotto delle giacche, proprio con i mozziconi sul tessuto, creando dei capi d’abbigliamento particolari e rari. In India, invece, la compagnia CODE Effort Pvt. Ltd trasforma i mozziconi abbandonati in giocattoli, cuscini, oggetti di arredamento, vestiario e gioielli. I progetti di riciclo e raccolta avvengono davvero ovunque. In Svezia, per esempio, i corvi vengono addestrati proprio per aiutare la raccolta. A loro si aggiungono poi anche dei robot intelligenti.

mozziconi sigarette sabbia spiaggia
mozziconi di sigarette sulla spiaggia

I danni provocati dai mozziconi abbandonati

La dimensione delle cicche di sigarette può trarre in inganno, ma il loro potere inquinante è altissimo. I mozziconi abbandonati, inoltre, sono tra i rifiuti che più si trovano nell’ambiente. Il fenomeno è molto frequente soprattutto nelle spiagge e per questo in molti Paesi è vietato fumare in spiaggia, nella speranza di mettere un freno a questo fenomeno negativo. Oltre a rappresentare uno spettacolo indecente nelle spiagge e nelle vie cittadine l’abbandono dei mozziconi è un vero e proprio danno ambientale. I filtri delle sigarette, che sono fatti di plastica non biodegradabile e altre componenti tossiche, inquinano suolo, mare e oceani addirittura più delle plastiche monouso. Decomponendosi, poi, si depositano sotto forma di microplastiche pericolose. Inoltre vengono ingeriti dagli animali, provocando la loro morte, e bloccano la germogliatura dei semi delle piante.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 26-08-2022


È italiana la prima acciaieria al mondo a zero emissioni

Startup finlandese costruisce batteria gigante con la sabbia