La divisione italiana di Nestlè premia i tremila dipendenti italiani con un bonus da 2500 euro: è il più alto di sempre.

Dopo il Baby Leave, il congedo di paternità retribuito esteso a tre mesi, Nestlé Italia continua a lanciare messaggi di attenzione e di ringraziamento ai dipendenti per l’impegno profuso negli ultimi due anni. Nonostante l’incertezza determinata dalla pandemia e dalla crisi delle materie prime, la divisione italiana della multinazionale offre un premio di produttività da 2.500 euro per i suoi tremila dipendenti.

Nestlé Italia: dipendenti ricevono bonus da record

Il bonus è riconosciuto da Nestlé Italia a tutto il personale che lavora presso le sedi e le fabbriche dell’azienda alimentare sul territorio italiano. È il premio di produttività più alto di sempre. L’accordo per la definizione di questo incentivo per il 2022 è stato raggiunto con le organizzazioni sindacali di base.

Il colosso svizzero dell’alimentazione ha deciso di elargire questo bonus ai dipendenti per i risultati raggiunti in un anno sfidante e in continua evoluzione che sta ridisegnando il modo di lavorare di ognuno. La società promuove infatti un modello ibrido che alterna presenza in ufficio e lavoro da casa, tenendo conto della flessibilità e del giusto bilanciamento tra vita privata e vita lavorativa.

Un capo concede un premio di produttività
Il bonus produttività di Nestlé “certifica i risultati raggiunti”

Le persone sono il motore della nostra azienda – fa sapere Marco Travaglia, presidente e amministratore delegato del Gruppo Nestlé Italia e Malta – e questo premio certifica i risultati raggiunti grazie all’impegno, alla dedizione e alla professionalità dei nostri collaboratori e collaboratrici. Siamo fieri di come le nostre persone abbiano saputo affrontare con responsabilità e flessibilità questi due anni decisamente complessi, guardando al presente e al futuro con la consapevolezza che i risultati migliori si possano raggiungere solo unendo le forze e lavorando insieme”.

Nestlé ha chiuso il 2021 con un fatturato in crescita del 3,3% a 87,09 miliardi di franchi. Un risultato migliore rispetto agli 84,3 miliardi di un anno prima. Pure l’utile netto è cresciuto del 38,2% a 16,9 miliardi di franchi, merito della cessione di parti di azioni dell’Oréal, controllata ancora dal Gruppo al 20,1%.

Nestlé, azienda ha un fatturato in crescita

La crescita organica è stata forte, stimata al +7,5% di cui il 2,2% imputabile all’aumento prezzi. La società ha limitato l’impatto dell’inflazione dei costi “attraverso una gestione diligente dei costi e prezzi responsabili“, come ha dichiarato il ceo Mark Schneider.

L’azienda continua inoltre a puntare sui giovani. Nel corso del 2021 e nel primo trimestre del 2022, Nestlé ha attivato oltre 203 stage e assunto 566 giovani under 30 nelle diverse sedi italiane. Inoltre il Gruppo sta promuovendo progetti per supportare le start-up e favorire l’imprenditoria giovanile, in particolare all’interno della filiera agricola.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 24-04-2022


Migliori università al mondo 2022: il Politecnico di Milano guida le facoltà italiane

Canone Rai, verso la cancellazione dalla bolletta, ma il pagamento non è soppresso