Il paese ha deciso di vietare la vendita di sigarette alle persone nate dopo il 2004, al fine di raggiungere l’obiettivo di liberare il paese dal tabacco entro il 2025.

La Nuova Zelanda sta esaminando una serie di misure antifumo che includono il divieto di vendita di sigarette a persone nate dopo il 2004, come parte del piano che prevede eliminare il tabacco dal paese entro il 2025. Già in passato, le autorità hanno iniziato a muoversi su questa strada, impostando una drastica riduzione del livello di nicotina consentito nel tabacco, di imporre restrizioni nei luoghi in cui le sigarette possono essere vendute e dei luoghi in cui è consentito fumare. Inoltre, studiano il graduale aumento dell’età legale per iniziare fumare.

La Nuova Zelanda sarà “senza fumo” entro il 2025

Lo scopo di questa iniziativa è eliminare gradualmente l’uso del tabacco nel paese nei prossimi anni e creare una nazione smoke free in Nuova Zelanda entro il 2025 . Il ministero della Salute ha chiarito che, mentre i tassi di fumo sono diminuiti negli ultimi dieci anni, “c’è ancora molto da fare“, in particolare per ridurre “il consumo tra i Maori, i popoli del Pacifico e coloro che vivono nelle nostre società più svantaggiate“.

Le autorità sanitarie hanno invitato i cittadini a presentare proposte per il piano d’azione, che è stato ufficialmente rilasciato giovedì scorso. I neozelandesi avranno tempo fino al 31 maggio per condividere le loro opinioni prima che l’iniziativa diventi una legge a tutti gli effetti.

Giovane donna che fuma
Giovane donna che fuma

Il vice ministro della Salute, Aisha Viral, ha affermato in un comunicato che il governo vuole sentire dai residenti e dalle aziende partecipanti quali misure potrebbero essere praticabili per ridurre il tasso di fumo nel paese: “Circa 4.500 neozelandesi muoiono ogni anno a causa del tabacco e dobbiamo agire rapidamente per raggiungere questo obiettivo. Fare gli affari come al solito, senza il programma di controllo del tabacco, non ci porterà lì“.

Nel frattempo, molti esperti hanno avvertito che frenare le vendite di tabacco farà fallire i negozianti e che le restrizioni potrebbero alimentare il mercato nero irregolare.

Un nuovo approccio alla salute

Le proposte sono state accolte con favore da numerose organizzazioni di sanità pubblica. “Questa proposta va oltre l’aiutare le persone a smettere di fumare”, ha detto in una dichiarazione l’amministratore delegato della Cancer Society, Lucy Elwood. Elwood ha notato che il numero di rivenditori di tabacco era quattro volte più alto nelle comunità a basso reddito, dove i tassi di fumo erano più alti: “Queste evidenti iniquità sono il motivo per cui dobbiamo proteggere le generazioni future dai danni del tabacco”, ha detto. “Il tabacco è il prodotto di consumo più dannoso della storia e deve essere gradualmente eliminato“.

Shane Kawenata Bradbrook, sostenitore a lungo termine delle comunità smoke-free Māori, ha affermato in una dichiarazione che il piano “darà inizio alla fine definitiva dei prodotti del tabacco in questo paese“. I tassi di fumo sono più alti tra i neozelandesi Maori e Pasifika e ha affermato che era fondamentale che quelle comunità avessero voce in capitolo. “Per troppo tempo l’industria del tabacco ha assuefatto la nostra gente, privandola dei loro soldi prima di doverla seppellire negli urupa [cimiteri] in tutta questa terra. Non vedo l’ora di far tramontare questo settore in questo angolo del mondo“.

ultimo aggiornamento: 21-04-2021


Nel Lazio il tatuaggio medicale per le cicatrici della mastectomia è gratis

Greta Thunberg dona 100 mila euro per il vaccino nei paesi poveri