All’aeroporto milanese di Linate è stata inaugurata una nuova area del terminal: ecco tutte le novità dei lavori di ristrutturazione.

Linate è l’aeroporto internazionale più vicino alla città di Milano. I lavori di riqualificazione di cui è stato recentemente protagonista hanno interessato il redesign funzionale e architettonico del settore check-in, dell’area sicurezza e dell’area commerciale dedicata al duty free. Ha visto la luce anche un nuovo spazio per un terminal di ben 10mila metri quadri, dislocato su tre livelli. All’inaugurazione ufficiale, tenutasi nella giornata dell’8 giugno 2021, è intervenuto anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Linate: le novità dopo i lavori di ristrutturazione

Dietro l’opera di ristrutturazione dell’aeroporto di Linate vi è un ingente investimento, che ammonta a circa 40 milioni di euro. I lavori hanno avuto inizio nel 2019, prima della pandemia da COVID-19. Nonostante le restrizioni anti-contagio, il cantiere di Linate non si è mai fermato, così da rispettare i tempi previsti dal progetto originario.

L’area check-in, il cui aspetto era rimasto fermo agli anni ’80, è stata completamente rivisitata e presenta diverse trasformazioni architettoniche. È stato costruito un controsoffitto in doghe di legno con vele di cartongesso, arricchito da splendidi giardini pensili.  

Prossimi all’ingresso sono stati collocati anche dei banchi particolarissimi, che portano il nome del Gruppo SEA (Società Esercizi Aeroportuali), ovvero l’ente che gestisce il sistema di aeroporti della città di Milano. I banchi sono realizzati in materiale d’ottone, lega di rame che presenta un fortissimo potere anti-virale e può in brevissimo tempo ridurre le probabilità di contagio dei passeggeri che vi entrano in contatto.

L’area dedicata ai vari controlli di sicurezza, invece, era stata inaugurata già lo scorso ottobre. Per il suo redesign, per la prima volta a livello Europeo, sono stati utilizzati dei principi derivati dalla neuroscienza. Questa disciplina, infatti, applicata alla pianificazione architettonica, può dar vita a un’experience di viaggio al cui centro vi è l’emotività e il comfort dell’individuo. I colori, per esempio, si schiariscono per comunicare maggiore tranquillità, e gli arredi in legno comunicano calore e accoglienza.

La novità più imponente, infine, riguarda il nuovo edificio, chiamato corpo F. Esso è sviluppato su ben tre piani e con un’area complessiva di 10mila metri quadri. La costruzione di questo enorme spazio ha permesso che le sale di imbarco si ampliassero con nuovi gate, l’apertura di nuovi shop nella galleria commerciale e di caffè e punti di ristorazione (29 in tutto le nuove aperture).

Come cambierà l’aeroporto di Linate entro il 2030?

Linate, secondo i piani, continuerà a cambiare e trasformarsi almeno sino al 2030, anno in cui potremmo assistere a una nuova rivoluzione del suo look e delle sue caratteristiche.

Innanzitutto, il complesso dell’aeroporto si allargherà sino a toccare il perimetro dell’Idroscalo, così da colmare un vuoto di servizi esistente in quell’area e sfruttarlo per costruire un centro ricreativo per i cittadini. Altra rivoluzione riguarda la costruzione di un passaggio pedonale che porterà dritti dall’aeroporto sino al famoso lago artificiale di Milano.

L’aeroporto stesso verrà ampliato, in modo tale da poter accogliere un numero sempre più grande di viaggiatori. Nel quadro di questa esigenza sta nascendo un ulteriore progetto riguardante la nascita di un innovativo Business Hotel a pochi passi da Linate.


Chiara Ferragni assume il controllo totale del suo brand: “Felice di essere il mio capo”

50 donne che hanno avuto successo dopo i 50 anni