Il borgo di San Ginesio è stato definito, dall’Organizzazione Mondiale del Turismo, ‘miglior villaggio turistico’ del nostro paese. Ecco cosa sapere.

San Ginesio è stato definito il miglior villaggio turistico italiano dall’Organizzazione Mondiale del Turismo. Un traguardo molto interessante per il borgo delle “cento chiese“, situato a ridosso dell’appennino umbro-marchigiano. Soddisfazione per questo riconoscimento è stata mostrata da Massimo Gravaglia, ministro del turismo che la definisce una “scelta che punta a valorizzare i luoghi meno conosciuti“.

San Ginesio: l’OMT definisce il comune come ‘miglior villaggio turistico’

San Ginesio è stato definito uno dei migliori villaggi turistici dall’Organizzazione Mondiale del Turismo. Il comune italiano ha ricevuto questo importante premio, insieme ad altri 40 individuati dall’OMT. Un bel traguardo per il borgo maceratese, ubicato a ridosso dell’Appennino umbro-marchigiano di cui è molto orgoglioso il ministro del Turismo, Massimo Gravaglia.

Chiesa di San Ginesio
Chiesa di San Ginesio

È con particolare orgoglio – afferma il ministro – che un piccolo Comune italiano, per di più colpito in passato anche dal terremoto, sia stato indicato dall’Omt quale miglior villaggio turistico. Una scelta che punta a valorizzare i luoghi meno conosciuti, i luoghi del cuore, ma ugualmente carichi di storia, tradizioni, cultura. Territori che ci confermano come l’Italia sia tutta da scoprire“.

Cosa sapere sul borgo italiano

San Ginesio viene definito come il “borgo delle cento chiese“, che si erge a 600 metri d’altezza nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, fa leva su un passato fatto di grandi gesta storiche, che si possono intravedere ancora oggi mediante la cinta muraria del XIV secolo.

Quest’ultima è caratterizzata da cammini di ronda e torrioni, nonché di feritoie che circonda il centro storico, che propone all’osservatori diversi monumenti di importanza architettonica, come l’Ospedale di San Paolo, la Porta Picena, la Chiesa di San Francesco, il Teatro Giacomo Leopardi, ma anche la Chiesa Collegiata di Santa Maria Assunta, quest’ultima realizzata secondo lo stile gotico. Proseguiamo, poi, con l’Archivio Storico di San Ginesio in cui sono conservati manoscritti e pergamene risalenti al 1199 e la Pinacoteca Antica S. Gentili che custodisce diverse opere d’arte.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 24-12-2021


L’economia circolare di Nespresso: trasforma caffè e alluminio in riso per i più bisognosi

De’ Longhi assegna un premio straordinario ai propri dipendenti da 11 milioni di euro