SusTowns è progetto dedicato al turismo sostenibile a cui hanno preso parte quattro borghi italiani, tra cui Subiaco.

Uno dei quattro borghi più belli d’Italia – Subiaco – partecipa al progetto SusTowns, che punta ad attuare un turismo più sostenibile, controllando – in maniera mirata – i flussi turistici, rispettando questi luoghi di interesse storico e culturale, intrisi di arte e cultura.

Subiaco
Subiaco

Subiaco, il borgo tra i più belli d’Italia

È uno dei quattro borghi più belli d’Italia: parliamo di Subiaco, comune della città di Roma, che partecipa a SusTowns, un progetto che ha come obiettivo principale quello di attuare e promuovere un turismo sostenibile, che rispetti questi luoghi ricchi di cultura, storia ed arte. Il post su Instagram:

Per attuare questa idea, è necessario far leva su strumenti e strategie che mantengano stabili i flussi turistici, senza, però, perdere di vista un tema così importante come la sostenibilità ambientale. Il tutto elaborando una metodologia che supporti le pubbliche amministrazioni locali.

Le meraviglie del posto

Subiaco è un borgo antico che offre, ai visitatori, tanti posti magici da visitare, che rimangono impressi nel cuore e nella mente di chi li osserva. Tra questi, possiamo sicuramente citare il Monastero di San Benedetto, i chiostri, il cenobio di Santa Scolastica, in cui fu portata la prima tipografia gutenberghiana, a metà del Quattrocento. Proseguiamo, inoltre, col roseto di San Francesco, il cui volto – di quando il santo era in vita – è custodito al Sacro Speco.

Ad innamorarsi di questo incantevole posto fu l’imperatore Nerone che, nella valle dell’Aniene, costruì una villa circondata dalle acque, ma anche dalla bellezza di un posto incantevole e sospeso nel tempo, in cui è presente anche il monastero di San Benedetto, che si erge sull’imponente roccia. Un quadro a cielo aperto di arte che si fonde, perfettamente, con la natura incontaminata.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 10-02-2022


Bonus mobili prorogato anche nel 2022, ma ci sono nuovi limiti di spesa per la detrazione

Tamponi, psicoterapia e streaming: come cambia il paniere Istat 2022