La ricerca dell’Istat sul paniere dei prezzi mostra l’impatto della pandemia sui consumi delle famiglie italiane: ecco tutte le novità rilevate.

Entrano il saturimetro e i test sierologici, la psicoterapia e lo streaming di musica. Escono i compact disc e l’hoverboard. È la fotografia del paniere Istat 2022, lo strumento con cui l’Istituto di ricerca rileva ogni anno i prezzi al consumo. Il paniere Istat cambia per l’inflazione e l’impatto della pandemia si fa sentire sulle tendenze di acquisto degli italiani.

Paniere Istat 2022: l’elenco completo

La misurazione delle abitudini di spesa delle famiglie rivela che nel paniere 2022 entrano ben dieci novità, quasi tutte legate all’epidemia e alle conseguenze delle restrizioni imposte dal governo di Mario Draghi:

  • saturimetro;
  • psicoterapia individuale;
  • test sierologico, molecolare e rapido per Covid-19;
  • poke take away;
  • sedia da pc;
  • friggitrice ad aria;
  • streaming di musica;
  • occhiali da lettura senza prescrizione;
  • pane di altre farine;
  • gas di città e gas naturale sul mercato libero.

L’Istat ha inserito anche altri prodotti per migliorare la rappresentatività del paniere: le mazzancolle e i sostituti artificiali dello zucchero, il trasportino per animali, i jeans da donna e i pantaloni corti da bambino.

Escono dal paniere di quest’anno i compact disc e l’hoverboard, gli skate elettrici con una o due ruote. In questo caso influisce il rischio elevato legato alle batterie che si surriscaldano e le frequenti esplosioni di questi oggetti del desiderio di numerosi adolescenti.

Una persona fa la spesa al supermercato
Cambia il paniere Istat 2022 per l’inflazione con l’impatto della pandemia

Queste nuove abitudini di spesa familiari – fa sapere l’istituto di ricerca – “riflettono la costante evoluzione dei comportamenti di spesa delle famiglie ma anche l’impatto di eventi, come la pandemia tuttora in corso, che condizionano le scelte d’acquisto e la struttura della spesa per consumi”.

In contemporanea alla lista dei 1.772 prodotti che compongono il paniere dei prezzi al consumo, l’Istat ha aggiornato le tecniche d’indagine con le quali misurare l’inflazione. I Comuni italiani che partecipano alla rilevazione sono 80 per il paniere completo e 18 per quello ridotto, per un numero complessivo di 43mila unità di rilevazione tra istituzioni, imprese e punti vendita.

Com’è stato calcolato il Paniere Istat 2022

La copertura territoriale dell’indagine è pari all’83,3% in termini di popolazione residente nelle province dei Comuni che partecipano alla rilevazione completa. Si sale al 90,3% per alcune tariffe e servizi locali, per i quali altri 12 Comuni effettuano la rilevazione dei prezzi. Sono 30 milioni le quotazioni di prezzo (scanner data) provenienti ogni mese dalla Gdo (la grande distribuzione organizzata) per stimare l’inflazione.

I 1.772 prodotti elementari (erano 1.731 nel 2021) sono stati raggruppati in 1.031 prodotti, a loro volta raccolti in 422 aggregati, per il calcolo degli indici Nic (per l’intera collettività nazionale) e Foi per le famiglie di operai e impiegati.
Per il calcolo dell’indice Ipca (sviluppato per assicurare una misura dell’inflazione comparabile a livello europeo) il paniere comprende invece 1.792 prodotti elementari (1.751 nel 2021), raggruppati in 1.050 prodotti e 426 aggregati.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 10-02-2022


Subiaco partecipa al progetto SusTowns: è uno dei quattro borghi più belli d’Italia

Bonus cultura 2022: 500 euro agli studenti che hanno compiuto 18 anni