Presentato ufficialmente il cammino di 130 chilometri che, nell’anno della doppia Capitale italiana della Cultura, unisce le due città sorelle: sei tappe, 36 comuni, 2 siti Unesco e tanto altro.

La Via delle Sorelle: si chiama così, nell’anno della Capitale italiana della cultura, il cammino che unisce Bergamo e Brescia. Immaginato da Slow Ride Italy, il percorso è bidirezionale e lungo 130 chilometri, attraversa 36 comuni con il rispettivo patrimonio culturale e ha 3.800 metri di dislivello totale.

Non solo: lungo il cammino ci sono due siti Unesco (le opere di difesa veneziane della città alta di Bergamo e il complesso monastico di San Salvatore-Santa Giulia a Brescia), due parchi regionali (Colli di Bergamo e Oglio Nord) e la riserva naturale Torbiere del Sebino.

Via delle Sorelle: il percorso tra Bergamo e Brescia

Nata con l’obiettivo di diventare un’eredità sostenibile da lasciare ai due territori, la Via delle Sorelle incrocia anche altri otto cammini (dall’antica via Valeriana all’alta via Delle Grazie), tre aree vitivinicole (la Franciacorta, la Val Calepio, le Terre del Vescovado) e il lago d’Iseo.

Il lavoro di studio e definizione del percorso di Slow Ride ha tenuto conto di aspetti importanti come l’inserimento futuro nell’Atlante dei Cammini d’Italia, la sicurezza e la fruibilità, i servizi di alloggio e ristorazione, il grado di difficoltà complessiva media, il tempo di percorrenza da 6 a 8 giorni e le opportunità di valorizzazione dei luoghi attraversati.

Gli organizzatori fanno sapere che la Via delle Sorelle è stata realizzata con l’idea di “creare una linea verde naturale tra due aree fortemente urbanizzate con la volontà di mostrarne un altro volto, entrare in contatto con altri cammini e sentieri a tappe presenti sul territorio per diventare motore di sviluppo del turismo sostenibile”.

La riserva naturale Torbiere del Sebino sul lago d'Iseo, una delle tappe della Via delle Sorelle
La riserva naturale Torbiere del Sebino sul lago d’Iseo, una delle tappe della Via delle Sorelle

Naturalmente il nome fa riferimento alle due Capitali italiane della cultura 2023, Bergamo e Brescia, “città che si assomigliano, che sono vicine e che, come sorelle, possono competere o discutere, ma sono fondamentalmente unite, tristemente protagoniste dell’emergenza sanitaria Covid”.

Le tappe sono sei, ciascuna con una media di 20-25 chilometri e proprie specificità. Ogni snodo è un passaggio per bellezze ambientali, culturali e architettoniche fuori dalle classiche rotte turistiche.

Le sei tappe della Via delle Sorelle

  • Tappa 1 (media, 20,8 km): Brescia, Collebeato, Cellatica, Concesio, Gussago
  • Tappa 1 variante bassa (facile, 17,9 km): Brescia, Collebeato, Cellatica, Concesio, Gussago
  • Tappa 2 (impegnativa, 23,7 km): Gussago, Rodengo Saiano, Ome, Monticelli Brusati, Iseo, Provaglio d’Iseo
  • Tappa 2 variante bassa (facile, 18,1 km): Gussago, Rodengo Saiano, Ome, Monticelli Brusati, Iseo, Provaglio d’Iseo
  • Tappa 3 (facile, 19 km): Provaglio d’Iseo, Corte Franca, Adro, Capriolo, Paratico
  • Tappa 4 (media, 21,7 km): Sarnico, Villongo, Credaro, Castelli Calepio, Gandosso, Gorlago, Carobbio degli Angeli, San Paolo D’Argon, Costa di Mezzate, Bagnatica
  • Tappa 5 via diretta (facile, 17,4 km): Bagnatica, Brusaporto, Albano Sant’Alessandro, Scanzorosciate, Villa di Serio, Nembro
  • Tappa 5 via traversa (facile, 15,5 km): Bagnatica, Brusaporto, Albano Sant’Alessandro, Scanzorosciate
  • Tappa 6 (impegnativa, 21,4 km): Nembro, Alzano Lombardo, Ponteranica, Bergamo
  • Tappa 6 via traversa (impegnativa, 27,9 km): Scanzorosciate, Nembro, Alzano Lombardo, Ponteranica, Bergamo

In vari punti del cammino sono state installate opere d’arte in natura o in siti di particolare valore culturale e storico. Gli autori sono artisti che sono stati ispirati dai valori del percorso, dall’unicità e dalla bellezza dei luoghi, delle tradizioni, delle persone che vi abitano.

Queste opere, come Expect More di Massimo Uberti per chi parte da Brescia e Al passo tuo di Claudia Losi lungo il sentiero che da Nembro arriva alla frazione di Lonno, sono permanenti, raggiungibili esclusivamente a piedi e improntate sul criterio della sostenibilità. I materiali usati sono locali così come le maestranze e le aziende del territorio che ci hanno lavorato.

Tutte le informazioni sulla Via delle Sorelle, con la mappa interattiva e la sezione ospitalità con i servizi dove mangiare e dormire divisi per tappe, sono disponibili sul sito ufficiale del cammino.

Riproduzione riservata © 2024 - LEO

ultimo aggiornamento: 14-04-2023


Bonus contributi 2023: a chi spetta e a quanto ammonta

Bonus automatico riscaldamento, in vigore dall’1 ottobre per tutti: ma ad una sola condizione