Vinitaly 2022, festival del vino più importante d’Italia, torna in presenza: diamo uno sguardo al calendario degli appuntamenti.

Dopo due anni di stop, dovuti all’esplosione della pandemia da Covid-19, Vinitaly 2022 torna in presenza. I responsabili del festival del vino più importante d’Italia hanno presentato il calendario degli appuntamenti che andranno in scena a Veronafiere. Vediamo le date e il programma che andrà in scena in onore del nettare di Bacco.

Vinitaly 2022 torna in presenza: le date

Una notizia importante per gli estimatori del buon vino: Vinitaly 2022 torna a svolgersi in presenza. Dopo due anni di stop dettato dall’emergenza sanitaria, il festival enogastronomico si riappropria dello spazio da sempre occupato a Veronafiere. Per questa cinquantaquattresima edizione saranno presenti ben 4400 aziende, provenienti da 19 nazioni diverse. Le date da segnare in calendario per immergersi in questa esperienza di gusto vanno dal 10 al 13 aprile 2022.

Dopo due anni di assenza, Vinitaly ritorna alla sua collocazione originale, con un quadro espositivo che lo riporta idealmente alle edizioni pre-pandemia. Un risultato non scontato che, nel confermare la centralità della manifestazione, premia il piano di sviluppo di Vinitaly iniziato già nel 2018 e perfezionato proprio in questi ultimi due anni“, ha dichiarato il presidente di Veronafiere, Maurizio Danese.

Durante lo svolgimento di Vinitaly 2022, verrà siglata una “partnership pluriennale con gli organizzatori dell’Orange Wine Festival di Izola, in Slovenia“. Questo consentirà al festival del vino nostrano di ampliare il proprio business.

Gli appuntamenti previsti per Vinitaly 2022

Tra le novità del Vinitaly 2022, oltre alla partnership citata sopra, ci sarà un’area dedicata alle produzioni di nicchiaa tiratura limitata e di altissima qualità“. Nei quattro giorni di fiera ci saranno circa 30 convegni e ben 76 super degustazioni. Nella giornata di apertura ci sarà “Iconic Women in Italian Wine”, presentato da Monica Larner di Wine Advocate e Alison Napjus di Wine Spectator. Le due giornaliste e critiche, per la prima volta insieme, racconteranno la storia di 6 cantine nostrane tutte al femminile.

Gabriele Gorelli, invece, presenterà “Rossi autoctoni italiani, la forza della leggerezza. Un’opportunità contemporanea per un rinnovato successo sui mercati internazionali”, mentre Riccardo Cotarella e Luciano Ferraro tratteranno un tema quanto mai importante: “Da padre in figlio: il futuro del vino italiano”. Ovviamente, a Vinitaly 2022 ci sarà spazio anche per gli espositori esteri, che quest’anno saranno: Francia, Brasile, Slovenia, Argentina, Spagna, Serbia, Macedonia, Libano e Sud Africa.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 08-04-2022


Il caro energia sta mettendo a rischio il vertical farming: le soluzioni contro i rincari

Notizie angoscianti e negative: le persone optano per l’elusione