Cristina Scocchia è l’amministratore delegato di Kiko, azienda di cosmetici nata in Italia nel 1997. Scopriamo la sua biografia.

Dal 2017 Cristina Scocchia è amministratore delegato di Kiko. Nel 2021, nonostante la pandemia e la conseguente crisi economica, l’azienda italiana di cosmetici ha deciso di espandersi: entro il 2023 saranno inaugurati 300 nuovi punti vendita. Il merito è proprio della politica di rilancio della CEO, che, grazie all’esperienza pregressa, è riuscita a far fronte anche alle difficoltà legate all’emergenza Coronavirus.

Sposata e mamma di un bambino, concilia la vita da manager con la sfera privata, facendo sacrifici di cui, ad oggi, non si pente. Scopriamo insieme la sua biografia, tra successi e sfide con se stessa.

Chi è Cristina Scocchia: la biografia

Cristina Scocchia nasce il 4 dicembre 1973 a Coldiroli, frazione di Sanremo. Figlia unica di due genitori insegnanti, sono stati loro a trasmetterle il mantra della sua vita: “il punto di partenza non deve mai essere un limite“. Dopo il diploma si laurea in Economia e Commercio all’Università Bocconi di Milano e, successivamente, consegue un Dottorato di ricerca in Economia Aziendale.

Durante il percorso accademico, fa uno stage di 3 mesi presso Procter&Gamble, al termine del quale i responsabili d’azienda le propongono l’assunzione “come se fosse già laureata“. I patti, però, sono chiari: impegno nel lavoro e massima attenzione allo studio perché loro assumono soltanto persone che si laureano con il massimo dei voti.

Cristina riesce a portare a termine gli obiettivi che si era posta, ma il suo sogno è entrare a far parte del mondo del beauty. Nel 2007 vede il suo desiderio avverarsi: diventa responsabile di Max Factor in 75 Paesi. In seguito viene chiamata a risollevare le sorti di L’Oréal Italia e, anche in questo caso, non delude le aspettative di quanti hanno puntato su di lei.

L’ingresso nella grande famiglia di Kiko

Nel mese di luglio 2017 Cristina Scocchia è chiamata a risollevare un’altra grande azienda italiana: Kiko. Diventa amministratore delegato del brand e decide di puntare sempre più in alto: entro il 2023 saranno inaugurati 300 negozi monomarca, che si aggiungono ai 900 già presenti, e saranno assunti 1000 dipendenti.

Nel corso della sua carriera ha già ricevuto importanti riconoscimenti, tra cui la Mela d’Oro per il Management nel 2015 e Miglior CEO per la categoria Retail ai CEO Italian Awards 2019.

La vita privata di Cristina Scocchia: marito e figlio

Cristina Scocchia è sposata con Enrico, di professione cardiochirurgo. L’incontro con il marito, come raccontato in un’intervista a Repubblica, è avvenuto per caso durante “un tranquillo week end” con la cugina. È stato un vero e proprio colpo di fulmine, che li ha portati poco dopo a giurarsi amore eterno.

Dalla loro unione, nel 2009 è nato Riccardo. La gravidanza non è stata affatto semplice e il bimbo è nato prematuro:
Al quinto mese in un attimo sono passata da una vita sempre di corsa a una stanza d’ospedale. Ma in quel momento dovevo impegnare le mie energie per lui, perché tutto andasse bene. L’azienda mi è stata vicina come una famiglia, ho capito che significa lavorare in un’impresa di cui condividi i valori“, ha dichiarato la CEO di Kiko a Repubblica.

Cristina, con la tenacia che l’ha sempre contraddistinta, è tornata a lavoro 3 mesi dopo il parto, più carica che mai. Vive a Milano con il piccolo Riccardo, mentre suo marito fa la spola tra la città meneghina e Lugano, dove lavora.

4 curiosità su Cristina Scocchia

– Cristina Scocchia è al 45° posto nella classifica Top Manager.

– È membro del Consiglio di Amministrazione di EssilorLuxottica S.A. e di Illycaffè S.p.A.

– Nel giugno 2019 è stata insignita della Légion d’honneur da Christian Masset, ambasciatore francese in Italia.

– Il suo motto è: “In salita si deve accelerare“.

ultimo aggiornamento: 17-03-2021


Chi è Francesca Dallapè, la tuffatrice “metà” di Tania Cagnotto

Chi è Mattia Ferrari, l’art director che ha conquistato la copertina di Forbes Italia